Vai al contenuto
Home » Sintomi del gatto » Tremori nel gatto: panoramica sulle cause e le opzioni terapeutiche

Tremori nel gatto: panoramica sulle cause e le opzioni terapeutiche

I tremori nel gatto sono una patologia neurologica relativamente comune che può manifestarsi in diverse forme e gradi di gravità. Questi possono essere sintomo di varie condizioni sottostanti, tra cui disturbi metabolici, tossicità, traumi cranici, malattie infettive, disturbi del sistema nervoso centrale e periferico, tra gli altri.

La diagnosi precoce e accurata di queste patologie è fondamentale per il benessere del gatto e per prevenire ulteriori danni al sistema nervoso. Gli approcci terapeutici variano in base alla causa sottostante e possono includere l’uso di farmaci, cambiamenti nella dieta e nella gestione dell’ambiente, fisioterapia e terapie complementari.

Questo articolo fornisce una panoramica dettagliata sui tremori nel gatto, descrivendo le cause, le opzioni terapeutiche e le forme di prevenzione, al fine di fornire informazioni utili ai proprietari per una gestione efficace di questa patologia.

Cosa sono i tremori?

I tremori sono un’oscillazione involontaria e ritmica di una parte del corpo del gatto, causata da contrazioni muscolari involontarie, che possono essere il risultato di un’alterazione della funzione del sistema nervoso centrale o periferico.

Quando i tremori sono associati ad altre condizioni patologiche, diventano un sintomo rilevante per la diagnosi e il trattamento delle malattie sottostanti. Pertanto, i tremori sono una manifestazione clinica riconosciuta e una patologia in quanto possono causare sintomi e limitazioni funzionali significative.

Cause dei tremori nel gatto

I tremori possono avere diverse cause, tra cui l’esposizione al freddo, bassi livelli di zucchero nel sangue o uno stato di paura. Tuttavia, una delle cause più pericolose e urgenti dei tremori nel gatto è rappresentata dall’ingestione di piante tossiche, come le stelle di Natale o i gigli, o di alimenti potenzialmente tossici. In caso di sospetta ingestione di sostanze tossiche, è fondamentale contattare immediatamente il veterinario, fornendo informazioni dettagliate sul tipo e sulla quantità di sostanza ingerita dal gatto.

Le cause comuni di tremore nel gatto includono:

Ipoglicemia

L’ipoglicemia è una condizione in cui la concentrazione di glucosio nel sangue del gatto diminuisce al di sotto dei livelli fisiologici normali. Può essere causata da diverse patologie, tra cui il diabete mellito, la malnutrizione, la cattiva assunzione di cibo o l’assunzione di farmaci ipoglicemizzanti. Nel gatto, il diabete mellito rappresenta una delle principali cause di ipoglicemia. Inoltre, i gatti con diabete non diagnosticato possono essere a maggior rischio di sviluppare ipoglicemia.

Paura o ansia

I gatti sono animali notoriamente abitudinari, che spesso reagiscono con ansia o timore alle modifiche dell’ambiente che li circonda. Ad esempio, l’introduzione di un nuovo animale domestico o un cambiamento nella routine quotidiana potrebbero scatenare una risposta di stress, manifestata anche attraverso la comparsa di tremori. Inoltre, i gatti possono essere sensibili a nuovi stimoli sensoriali, come suoni o odori sconosciuti, che possono causare una reazione di paura o agitazione.

La risposta allo stress nel gatto può essere influenzata da molti fattori, come la personalità individuale del gatto, l’età, la storia medica e l’ambiente domestico. I tremori possono rappresentare una delle manifestazioni fisiche dell’ansia o dello stress nei gatti, insieme ad altri sintomi come la perdita di appetito, l’apatia o l’irritabilità. Tuttavia, è importante distinguere le cause di stress ambientale dalle patologie fisiche, che potrebbero avere sintomi simili.

Temperatura corporea irregolare

La temperatura corporea è un importante parametro fisiologico che può influenzare la salute e il benessere del gatto. La temperatura corporea normale per i gatti si aggira tra i 37,8°C e i 38,9°C gradi. Tuttavia, se la temperatura corporea del gatto supera i 39,4°C gradi, è possibile l’insorgenza di febbre. Sebbene la febbre sia una risposta immunitaria utile che può aiutare a combattere le infezioni, quando persiste per più di due giorni o raggiunge i 40,6°C gradi, può diventare pericolosa per la salute del gatto.

La febbre può essere causata da una vasta gamma di fattori, tra cui le infezioni batteriche o virali, le malattie autoimmuni o l’esposizione a sostanze tossiche. In alcuni casi, la febbre può essere un sintomo di una malattia sottostante più grave, come il cancro. Se il tuo gatto presenta febbre alta o persistente senza una ragione evidente, è consigliabile portarlo dal veterinario per una valutazione diagnostica approfondita.

Durante la visita veterinaria, il medico può eseguire esami del sangue per escludere varie patologie e determinare la causa della febbre. Inoltre, il veterinario può valutare altri segni clinici, come la presenza di tremori o altri sintomi, per identificare eventuali problemi di salute sottostanti. Una diagnosi tempestiva e un trattamento adeguato sono essenziali per garantire la salute e il benessere del gatto.

Malattia renale o insufficienza renale

I tremori possono essere un sintomo di una vasta gamma di condizioni patologiche, tra cui le malattie renali. Pertanto, se noti che il tuo gatto manifesta tremori, è importante portarlo dal veterinario per una valutazione completa. La malattia renale è una condizione grave che può portare a insufficienza renale, una delle principali cause di mortalità nei gatti.

La malattia renale nei gatti può essere causata da diverse patologie, tra cui l’insufficienza renale acuta o cronica, le infezioni del tratto urinario o le malformazioni congenite. I sintomi della malattia renale nei gatti possono includere tremori, perdita di peso, ridotta attività fisica, sete eccessiva e minzione frequente.

Se il veterinario sospetta una malattia renale, può eseguire ulteriori test, tra cui esami del sangue e analisi dell’urina, ecografie e radiografie, per determinare l’entità della malattia e prescrivere il trattamento adeguato. Il trattamento per la malattia renale nei gatti può includere terapie mediche, alimentazione adeguata e cure di supporto. In generale, il trattamento precoce e adeguato della malattia renale è essenziale per prevenire la progressione della malattia e preservare la salute del gatto.

Tossicità

Numerosi oggetti comuni presenti nelle case, come alcune piante tossiche, cioccolato e caffè, possono rappresentare una minaccia per la salute degli animali domestici, tra cui i gatti. In caso di sospetta ingestione di sostanze tossiche, è consigliabile portare il gatto dal veterinario senza indugio. Questo perché l’ingestione tali sostanze può causare una serie di problemi di salute nel gatto, come disturbi gastrointestinali, neurologici e persino la morte.

tremori gatto

Featured Image: Andrew Umansky/Unsplash

Shock

I tremori possono essere sintomatici di uno stato di shock in atto nel gatto, che potrebbe essere conseguente a traumi improvvisi o lesioni, emorragie, infarti o reazioni anafilattiche. Indipendentemente dall’eziologia sottostante, lo stato di shock costituisce una condizione di emergenza medica che richiede una tempestiva e appropriata gestione terapeutica.

Dolore

L’insorgenza di tremori nel gatto potrebbe indicare la presenza di una lesione o infezione altamente dolorosa. Pertanto, si consiglia di esaminare accuratamente il gatto alla ricerca di eventuali lacerazioni, tagli, ustioni o altre lesioni esterne. In caso di esclusione di altre possibili cause scatenanti, si suggerisce di ricorrere all’intervento del veterinario al fine di accertare la presenza di lesioni interne o infezioni.

Problema all’orecchio

Nel caso in cui il gatto manifesti un movimento ripetitivo di scuotimento della testa, anziché un tremore generalizzato, si potrebbe sospettare la presenza di un disturbo dell’orecchio, quale ad esempio un’infezione come l’otite.

Clima freddo

In periodo di clima freddo, i gattini risultano particolarmente sensibili alla polmonite e all’ipotermia. Qualora si noti il fenomeno di tremore in un gattino giovane, si raccomanda di adottare le misure necessarie per riscaldarlo, avvolgendolo delicatamente in coperte e tenendolo vicino al proprio corpo. Si consiglia di mantenere adeguati livelli di protezione termica per i gatti in generale, indipendentemente dall’età.

Trattamento dei tremori nel gatto

Quando si osserva il gatto manifestare episodi di tremore, è essenziale esaminare la durata degli stessi, la loro frequenza e l’area del corpo interessata dal movimento involontario. Nel caso in cui il tremore si verifichi per un breve periodo di tempo e non sia accompagnato da altri segni clinici, come nausea o debolezza muscolare, è possibile che l’animale stia provando sensazioni di freddo o paura.

Tuttavia, se il tremore si presenta in modo grave e prolungato, è opportuno rivolgersi tempestivamente al veterinario.

La raccolta di informazioni dettagliate sulle condizioni del gatto, come il comportamento alimentare, il modello di sonno e l’eventuale esposizione a tossine o patogeni, può essere utile per individuare la causa sottostante dei sintomi.

In base alla natura dei tremori, il veterinario può formulare una diagnosi e prescrivere un trattamento adeguato, che può includere terapie farmacologiche o interventi terapeutici specifici, tra cui:

Alimenti dolci per invertire l’ipoglicemia

In caso di ipoglicemia, è possibile invertire temporaneamente la condizione offrendo al gatto alimenti dolci come il miele o persino la panna montata. Tuttavia, è importante tenere a mente che alcuni dolci, come le caramelle, possono contenere sostanze tossiche per i gatti come il cioccolato o lo xilitolo.

È essenziale sottolineare che, se il gatto non ha consumato cibo a sufficienza da raggiungere lo stato di ipoglicemia, potrebbe essere affetto da una patologia sottostante che richiede cure veterinarie immediate. Anche se i livelli di zucchero nel sangue possono essere controllati temporaneamente, è sempre consigliabile rivolgersi al veterinario per escludere patologie come il diabete o gravi malattie sistemiche.

Il trattamento dell’ipoglicemia felina dovrebbe essere sempre guidato dalla diagnosi della patologia di base e dalla stabilizzazione del paziente. In caso di ipoglicemia grave o ricorrente, il veterinario potrebbe consigliare una modifica dietetica e farmacologica, unitamente al monitoraggio periodico dei livelli di zucchero nel sangue.

Cuscinetti riscaldanti in caso di freddo intenso

In caso di sintomatologia correlata a condizioni di freddo intenso, è possibile utilizzare dei cuscinetti riscaldanti o coperte elettriche a bassa temperatura per riscaldare il gatto, fino al momento in cui sarà possibile recarsi dal veterinario. È importante assicurarsi di inserire un asciugamano o una coperta tra il dispositivo di riscaldamento e il gatto, al fine di prevenire eventuali ustioni. In alternativa, è possibile utilizzare una lampada riscaldante per garantire il comfort termico dell’animale.

Inoltre, è importante ricordare che l’eccessiva esposizione a fonti di calore artificiale può anche causare lesioni o problemi di salute, come disidratazione o ipertermia. Pertanto, il riscaldamento del gatto dovrebbe essere monitorato con attenzione e limitato alla necessità di fornire il comfort termico all’animale. Il supporto veterinario professionale è essenziale per garantire la corretta gestione del freddo e il benessere del gatto.

Consultare il veterinario in caso di temperatura corporea elevata

L’ipertermia, ovvero l’aumento della temperatura corporea al di sopra dei valori normali, può spesso rappresentare un sintomo di febbre causata da virus o infezioni. Si consiglia di consultare il veterinario per identificare la causa sottostante della temperatura elevata.

Nel caso in cui la causa della febbre sia sconosciuta, il veterinario procederà a una valutazione completa, che potrà includere l’analisi di fattori esterni, come lesioni o infezioni esterne, e interni, come test di laboratorio e analisi del sangue, al fine di individuare la causa specifica della febbre.

È importante ricordare che l’ipertermia può rappresentare un grave problema di salute per l’animale e richiede un intervento tempestivo e adeguato.

Le condizioni di shock, tossicità e dolore rappresentano patologie che richiedono una gestione professionale e medica. L’osservazione di sintomi quali estrema astenia, vomito, diarrea, difficoltà respiratorie o altri segni di intossicazione o shock, richiede un’immediata valutazione veterinaria.

Prevenzione dei tremori nel gatto

Diverse patologie possono causare tremori nel gatto, come l’ipertermia o l’ipotermia, alcune malattie o una riduzione del livello di glucosio nel sangue. Al fine di garantire il benessere del gatto, è opportuno seguire le seguenti raccomandazioni:

  • Monitorare le abitudini alimentari per prevenire l’ipoglicemia: il consumo di piccoli pasti frequenti aiuta i gatti a mantenere i livelli di glucosio nel sangue stabili, evitando così fluttuazioni indesiderate.
  • Tenere il gatto lontano da sostanze tossiche: alimenti comuni come caffè, alcol e cioccolato, così come alcune piante d’appartamento, possono essere tossici per i gatti. Inoltre, alcuni oggetti domestici possono rappresentare rischi di soffocamento, come le forcine, le decorazioni e i giocattoli. Si raccomanda pertanto di non lasciare al gatto accesso a oggetti che potrebbero essere dannosi se ingeriti.
  • Effettuare regolari analisi del sangue, soprattutto in caso di gatti anziani: le analisi del sangue di routine possono fornire una diagnosi precoce di malattie renali. Se individuati in tempo, tali disturbi possono essere gestiti con successo, ma la loro evoluzione in assenza di intervento medico può portare a esiti fatali.
  • Tenere il gatto al caldo durante l’inverno per prevenire l’ipotermia: i gattini sono particolarmente sensibili alle basse temperature, per questo motivo nascono solitamente in primavera e in autunno. Nel caso di un gattino nato in inverno, è necessario assicurarsi che stia al caldo.
  • Introdurre gradualmente nuovi ambienti e stimoli esterni: i gatti sono noti per sperimentare episodi di tremore in situazioni di stress o di paura. Si consiglia di non esporli bruscamente a nuovi ambienti sconosciuti, ma di fornire loro elementi di conforto, come i loro giocattoli preferiti o coperte familiari. Se si intende adottare un altro animale domestico, è importante procedere con gradualità e rispettare i tempi di adattamento del gatto.

Domande frequenti

Perché il mio gatto trema?

I gatti possono manifestare tremori per diverse ragioni, la cui gravità varia in base alla situazione specifica. Tra le possibili cause ricorrenti, si evidenziano ipoglicemia, febbre, otite e patologie renali. Un costante monitoraggio dello stato di salute del gatto può agevolare l’individuazione del fattore scatenante. Tuttavia, se il tremore persiste o si sospetta la presenza di una patologia grave, è raccomandabile rivolgersi al veterinario.

Perché il mio gattino trema?

I gattini sono particolarmente inclini a manifestare ansia in contesti ambientali sconosciuti, in virtù della loro recente introduzione nel mondo esterno. Inoltre, a causa della loro sensibilità al freddo, è necessario garantire un adeguato riscaldamento durante le stagioni rigide e regolare la temperatura dell’aria condizionata all’interno dell’abitazione. Nel caso in cui siano esclusi tali fattori come cause del tremore, è opportuno monitorare altri aspetti della salute del gattino, quali le abitudini alimentari e la presenza di eventuali segni di dolore. In caso di persistenza dei tremori, è consigliabile rivolgersi al veterinario per un’accurata valutazione della salute del gattino.

Perché il mio gatto trema mentre dorme?

Analogamente all’essere umano, i felini possono manifestare tremori durante la fase REM del sonno. Qualora il tremore sia circoscritto alla medesima fase del riposo notturno, non si ravvisa la presenza di alcun possibile disturbo di natura patologica. Si raccomanda comunque di monitorare accuratamente l’animale per confermare tale ipotesi.

Perché il mio gatto scuote spesso la testa?

Il movimento di scuotimento della testa da parte del gatto, circoscritto alla regione auricolare, potrebbe essere indice di patologie dell’orecchio, come l’otite o l’infestazione da acari dell’orecchio. Nel tentativo di individuare eventuali alterazioni, è opportuno procedere all’esame dell’orecchio stesso, il quale dovrebbe presentarsi lucido e privo di sporco o altri agenti patogeni. In caso di rilevazione di anomalie, si raccomanda fortemente di rivolgersi al veterinario, il quale potrà stabilire le terapie del caso, che generalmente prevedono l’uso di farmaci specifici.

Fonti

[riduci]

Ultimo aggiornamento in data 19 Aprile 2023