Home » Alimentazione del cane

Alimentazione del cane

Allergie e intolleranze alimentari nel cane: cause, sintomi e rimedi

Le allergie alimentari rappresentano il 10% circa di tutte le allergie osservabili nei cani. Sono la terza causa più comune dopo le allergie da morso di pulce e atopia (allergie ad agenti inalanti). In genere, le allergie alimentari rappresentano il 20% delle cause di prurito e grattamento nei cani. Le allergie alimentari più l’atopia rappresentano un altro 20%.

L’intero processo di sensibilizzazione del cane ad un particolare agente alimentare e la complessa risposta anticorpale che insorge nel tratto intestinale dell’animale che soffre di allergie alimentari, non sono ben chiari. Tuttavia, i sintomi, il processo diagnostico e le modalità di trattamento delle allergie alimentari sono aspetti noti e conosciuti.

Le allergie alimentari colpiscono sia i cani che i gatti. A differenza dell’atopia, non vi è un forte legame specifico tra razza e allergie alimentari. Queste ultime possono interessare allo stesso modo sia i maschi che le femmine, così come gli animali sterilizzati e non sterilizzati. Le allergie alimentari possono insorgere in giovane età (intorno ai 5 mesi) ma anche in età avanzata (12 anni). Molti animali che soffrono di allergie alimentari presentano anche allergie concomitanti da contatto o ad agenti inalanti.

Allergia alimentare o intolleranza alimentare?

E’ opportuno fare una distinzione tra allergie e intolleranze alimentari. Le prime sono allergie vere e proprie e si manifestano con sintomi caratteristici, quali prurito e problemi cutanei, associati alle allergie canine. Le intolleranze alimentari possono manifestarsi con diarrea o vomito e non creano una tipica risposta allergica. Le intolleranze alimentari negli animali domestici possono essere paragonabili alle persone che sperimentano diarrea o disturbi allo stomaco dovuti al consumo di cibi piccanti o fritti. Fortunatamente, sia le intolleranze che le allergie alimentari possono essere risolte mediante una dieta priva degli agenti causa del problema.

Leggi tutto »Allergie e intolleranze alimentari nel cane: cause, sintomi e rimedi

Alimentazione del cane: i cibi da evitare

E’ ora di cena e il nostro piccolo amico si posiziona di fianco al tavolo guardandoci con sguardo “implorante”. Difficile resistergli vero? Ma condividere qualche piccolo boccone di cibo con il nostro cane è un bene o un male? Beh, dipende dal tipo di cibo e da ciò che esso contiene. Per esempio, una patatina con guacamole può causare problemi. A dire il vero, esistono molti alimenti che noi consumiamo abitualmente, ma che non dovrebbero mai essere offerti al cane. E questo non solo per evitare un possibile e poco salutare aumento di peso dell’animale, ma anche perché alcuni cibi sono decisamente pericolosi per la sua salute. Ma quali sono?

Avocado

Certo, il guacamole è molto gustoso, ma non dovrebbe mai essere somministrato al cane. Questo perché l’avocado contiene una sostanza chiamata persina. E’ innocua per gli esseri umani che non sono allergici ad essa. Ma elevate quantità di persina possono essere tossiche per i cani. Se vi capita di acquistare degli avocado con foglie, assicuratevi di tenere il cane lontano da esse. La persina, infatti, è presente nelle foglie, nei semi e nella scorza del frutto in questione.

Alcolici

La birra, i liquori, il vino e gli alimenti contenenti alcolici non dovrebbero mai essere offerti al cane. Questo perché l’alcol comporta i medesimi effetti sul fegato e sul cervello del cane degli esseri umani. Ma, a differenza dell’uomo, le quantità necessarie per causare l’insorgenza di tali effetti sono decisamente inferiori. Solo una piccola quantità, infatti, può causare vomito, diarrea, depressione del sistema nervoso centrale, problemi di coordinazione, difficoltà respiratorie, coma e persino il decesso. Più la taglia del cane è piccola, maggiore sarà l’effetto.

Cipolla e aglio

La cipolla e l’aglio in tutte le loro forme (in polvere, crudi, cotti o disidratati) possono distruggere i globuli rossi del cane con conseguente insorgenza di anemia. Questo può accadere anche con la cipolla in polvere presente in alcuni alimenti per neonati. Una piccola dose occasionale probabilmente non sarà fonte di problemi, ma elevate quantità o piccole quantità regolari possono causare una intossicazione. I sintomi relativi all’anemia includono debolezza, vomito, scarso interesse per il cibo, fiacchezza e mancanza di respiro.

alimentazione_cane.jpg

Leggi tutto »Alimentazione del cane: i cibi da evitare