Home » Comportamento del gatto

Comportamento del gatto

Quando il gatto sporca in casa: eliminazione inappropriata e marcatura urinaria

L’eliminazione inappropriata è il problema comportamentale più comune riportato dai proprietari di gatti. Per eliminazione inappropriata si definisce l’emissione di urine e/o feci in luogo inappropriato al di fuori della cassetta igienica.

Quale è il normale comportamento di minzione del gatto?

Quando il gatto urina, in genere provvede dapprima a scavare una piccola depressione con gli arti anteriori. Si posiziona sopra questa depressione assumendo una postura accucciata ed emette l’urina. In seguito, gira su sé stesso, annusa e copre le deiezioni con le zampe anteriori.

Che cosa è la marcatura urinaria?

La marcatura urinaria, a differenza dell’eliminazione inappropriata, non è correlata allo svuotamento fisiologico della vescica. In questo caso, infatti, il gatto emette l’urina allo scopo di lasciare un messaggio olfattivo, visivo e feromonale, rivolto ad altri gatti oppure ad animali che appartengono ad altre specie.

La marcatura urinaria è caratterizzata dall’emissione di uno spot di urina su di un supporto verticale. Il gatto inizialmente cerca e sceglie con l’olfatto il punto dove effettuare lo spot. Rimane sulle quattro zampe (stazione quadrupedale), muove alternativamente i piedi e, tenendo la coda in posizione verticale e facendola vibrare, effettua la marcatura urinaria. Successivamente, annusa i feromoni emessi.

I gatti possono marcare  con l’urina quando percepiscono una minaccia al loro territorio, per esempio se viene introdotto in casa un nuovo gatto o se all’esterno ci sono altri gatti nelle vicinanze. Anche l’odore di mobili o tappeti nuovi possono indurre il gatto a marcare. La marcatura urinaria può inoltre essere dovuta a frustrazione causata da fattori quali diete restrittive o attività ludica insufficiente, spesso percepita erroneamente dall’essere umano come dispetto o “vendetta”.

Perché alcuni gatti fanno i bisogni fuori dalla cassetta igienica?

Anzitutto, è bene sfatare un errore comune che vede l’eliminazione inappropriata del gatto come un comportamento messo in atto per dispetto o per “vendetta”, del tipo: “ecco ha fatto i bisogni sul tappeto del salotto per punirmi perché questo fine settimana sono uscito e l’ho lasciato solo. Questo tipo di calcolo richiede sofisticate capacità cognitive che si ritiene il gatto non abbia. Inoltre, questo tipo di conclusione presuppone che il gatto consideri urina e feci allo stesso modo dell’essere umano, ovvero come un qualcosa di disgustoso. In realtà, non è così.

Quindi, quali sono le cause dell’eliminazione inappropriata?

Problemi medici

Una possibilità è la presenza di problemi medici sottostanti. Per esempio, l’infiammazione delle vie urinarie può causare minzione dolorosa o frequente, incapacità di urinare, ematuria (presenza di sangue nelle urine) e lamenti durante la minzione. Un gatto che sperimenta una minzione dolorosa o una maggiore urgenza di urinare, con molta probabilità effettuerà i suoi bisogni al di fuori della cassetta igienica.

Inoltre, le patologie epatiche, renali e della tiroide spesso portano il gatto a bere di più e, di conseguenza, ad urinare più spesso. L’infiammazione del colon o del retto, le neoplasie del tratto intestinale, i parassiti intestinali e altre condizioni gastrointestinali possono causare defecazione dolorosa, aumentata frequenza o urgenza della defecazione e ridotto controllo della stessa.

Anche le patologie correlate all’invecchiamento, che interferiscono con la mobilità del gatto (per esempio, artrite, disturbi del sistema nervoso o malattie muscolari) o con le sue funzioni cognitive, possono influenzare la sua capacità di raggiungere la cassetta igienica in tempo.

In breve, qualsiasi condizione medica che interferisce con il normale comportamento di eliminazione del gatto può causare l’insorgere di eliminazione inappropriata.

Leggi tutto »Quando il gatto sporca in casa: eliminazione inappropriata e marcatura urinaria