Vai al contenuto
Home » Sintomi del gatto » Versamento pericardico nel gatto: cause, sintomi e trattamento

Versamento pericardico nel gatto: cause, sintomi e trattamento

Il versamento pericardico è definito come l’accumulo atipico di liquido all’interno del sacco pericardico.

Il sacco pericardico, noto anche come pericardio, è una membrana che avvolge il cuore. In condizioni normali, questa membrana contiene solitamente una quantità minima di liquido trasparente al fine di garantire una lubrificazione adeguata e favorire lo scorrimento del cuore all’interno della medesima. Tuttavia, in caso di versamento pericardico, si verifica un accumulo eccessivo di liquido all’interno del sacco pericardico, compromettendo la capacità del cuore di svolgere in modo efficace la sua funzione di pompa.

Il versamento pericardico è una condizione piuttosto rara nel gatto.

Cause del versamento pericardico nel gatto

Il versamento pericardico può essere causato da diverse eziologie sottostanti.

Nel gatto, l’eziologia prevalente del versamento pericardico è rappresentata dall’insufficienza cardiaca, frequentemente associata alla cardiomiopatia ipertrofica, la condizione cardiaca più comune nei gatti.

La seconda causa più frequente di versamento pericardico nel gatto è rappresentata da neoplasie, che possono coinvolgere il cuore o il pericardio.

In rari casi, il versamento pericardico felino può trovare origine in infezioni o in difetti congeniti, come l’ernia diaframmatica peritoneo-pericardica (EDPP). Va inoltre considerato che il versamento pericardico può manifestarsi in forma idiopatica, ovvero senza una causa diagnosticabile specifica.

Quali sono gli effetti del versamento pericardico?

In presenza di un accumulo eccessivo di liquido all’interno del sacco pericardico, si verifica un incremento della pressione intrapericardica. Questa pressione, col tempo, può eguagliare o superare la pressione intracardiaca, con conseguente compromissione della capacità di riempimento dei ventricoli cardiaci. Questo fenomeno è noto come tamponamento cardiaco. Il tamponamento cardiaco interferisce con la funzione di pompaggio del cuore, determinando l’insorgenza di insufficienza cardiaca congestizia del lato destro, ipotensione e una compromissione della perfusione sanguigna, sia al cuore stesso che agli altri organi.

In alcune situazioni, questo accumulo di liquido si verifica in maniera acuta, con un rapido insorgere di manifestazioni cliniche. In altri casi, l’accumulo di liquido avviene in modo graduale, consentendo al corpo più tempo per adattarsi e compensare.

Sintomi del versamento pericardico nel gatto

Le manifestazioni del versamento pericardico possono presentare significative variazioni, che dipendono dalla severità della condizione e dalla sua progressione temporale.

I segni iniziali spesso contemplano l’accumulo di liquido nell’addome, con conseguente evidente distensione addominale e limitata tolleranza all’attività fisica. In alcuni casi, può manifestarsi sincope associata allo sforzo fisico. Ulteriori sintomi possono includere tosse e diminuzione dell’appetito. Nei casi in cui il versamento pericardico persista in forma lieve per un prolungato arco temporale, è possibile lo sviluppo di atrofia muscolare nei gatti affetti.

Nei quadri clinici più gravi, specialmente quando la malattia esordisce in maniera acuta, il versamento pericardico può determinare un collasso repentino e, in alcuni casi, la morte senza segni premonitori.

versamento pericardico gatto

Diagnosi

Durante l’esame fisico condotto dal veterinario, possono emergere una serie di reperti indicativi di un versamento pericardico. Nei gatti affetti, spesso si osservano gengive pallide e polsi deboli. La respirazione può risultare affannosa, caratterizzata da un’aumentata frequenza respiratoria. Durante l’auscultazione cardiaca, il veterinario può rilevare la presenza di suoni cardiaci attutiti, causati dall’accumulo di liquido attorno al cuore. Inoltre, possono essere riscontrati segni aggiuntivi quali ingrossamento del fegato (epatomegalia), presenza di liquido nell’addome e accumulo di liquidi sottocutanei. Tutte queste manifestazioni sono intrinsecamente associate all’incapacità del cuore di garantire una normale perfusione ematica sistemica.

Inoltre, il veterinario potrebbe identificare irregolarità nel polso periferico del gatto, che possono suggerire la presenza di un versamento pericardico. Nel caso in cui il versamento pericardico abbia origine da una condizione infettiva, l’esame fisico potrebbe rivelare anche la presenza di febbre.

Nel caso in cui il veterinario sospetti un possibile versamento pericardico, solitamente verrà condotta una serie di esami. Questi esami possono comprendere:

  • Analisi del sangue: includono una conta completa delle cellule del sangue e un profilo biochimico del siero. Questi test mirano a rilevare eventuali patologie sottostanti e forniscono informazioni cruciali sulla salute generale del gatto.
  • Misurazione della pressione sanguigna: la valutazione della pressione sanguigna è fondamentale per supportare una diagnosi di versamento pericardico e tamponamento cardiaco, poiché una bassa pressione sanguigna è indicativa di queste condizioni.
  • Radiografie del torace: nei gatti affetti da versamento pericardico, le radiografie del torace possono rivelare caratteristiche peculiari del cuore che possono supportare la diagnosi. Tuttavia, è essenziale sottolineare che le radiografie del torace da sole non consentono una diagnosi definitiva di versamento pericardico e non forniscono dettagli sul funzionamento cardiaco.
  • Elettrocardiografia (ECG): l’ECG può rivelare segni distintivi che supportano la diagnosi di versamento pericardico, presentando tracce caratteristiche in alcuni casi.
  • Ecocardiografia: l’ecografia cardiaca è fondamentale per una diagnosi definitiva di versamento pericardico e fornisce informazioni cruciali sulla capacità del cuore di pompare il sangue.
  • Analisi del liquido: qualora venga confermato il versamento pericardico, è possibile eseguire un’analisi del liquido prelevato dall’area attorno al cuore, al fine di identificare la causa del versamento. L’analisi del liquido non sempre conduce a una diagnosi definitiva, ma può rivelarsi particolarmente utile in alcune condizioni specifiche, come il linfoma e la pericardite infettiva.

Trattamento del versamento pericardico nel gatto

Quando applicabile, il trattamento del versamento pericardico è orientato a indirizzare la condizione patologica sottostante. Ciò risulta particolarmente rilevante se il versamento è associato a un quadro di insufficienza cardiaca, la quale può essere gestita attraverso terapie mediche che spesso determinano la risoluzione del versamento pericardico.

Nel caso in cui la salute del gatto sia gravemente compromessa a causa del tamponamento cardiaco, il veterinario potrebbe considerare l’opzione di drenare il liquido circostante il cuore mediante una procedura nota come pericardiocentesi. Tale procedura può essere eseguita con o senza guida ecografica. È di fondamentale importanza sottolineare che la pericardiocentesi non rappresenta una soluzione definitiva per il versamento pericardico. È imperativo affrontare la causa sottostante, poiché persiste il rischio di recidiva. Tuttavia, questa procedura può aumentare le prospettive di sopravvivenza del gatto nel periodo iniziale di emergenza.

Se il versamento pericardico è associato a un tumore, le opzioni terapeutiche variano in base al tipo specifico di tumore identificato. In alcuni casi, può essere valutata l’opportunità di un intervento chirurgico, mentre in altre situazioni i pazienti possono essere sottoposti a trattamenti chemioterapici.

La pericardectomia, come alternativa terapeutica, può essere considerata in alcune circostanze. Questa procedura implica la creazione di una piccola apertura, una finestra, nel pericardio. Tale apertura consente al liquido pericardico accumulato di defluire dai tessuti pericardici circostanti, alleviando la pressione sul cuore. In determinate situazioni, la pericardectomia può portare a una risoluzione completa del problema, mentre in altri contesti viene impiegata principalmente a scopo palliativo.

Nel caso in cui il versamento pericardico sia associato a un’ernia diaframmatica peritoneo-pericardica, sarà necessario ricorrere a un intervento chirurgico per correggere l’ernia stessa.

Prognosi

La prognosi del versamento pericardico dipende dalla causa sottostante.

Le cause neoplastiche del versamento pericardico mostrano eterogeneità nella risposta alle terapie e nella progressione della malattia, poiché queste variabili sono strettamente correlate al particolare tipo di tumore coinvolto. La prognosi del versamento pericardico in contesti oncologici è direttamente influenzata dalla natura specifica della neoplasia.

La stragrande maggioranza delle cause non neoplastiche di versamento pericardico dimostra una risposta favorevole al trattamento.

Fonti