Malattia del rene policistico nel gatto: cause, sintomi e opzioni terapeutiche

In genere, i gatti sono dotati di due reni a forma di fagiolo, perfettamente funzionanti, che svolgono un ruolo essenziale nella depurazione del sangue da sostanze tossiche. La loro salute riveste un’importanza fondamentale per la corretta funzionalità dell’organismo felino. Tuttavia, la comparsa di patologie come il rene policistico può compromettere gravemente la loro funzionalità, rendendo necessario un intervento tempestivo per preservare il benessere dell’animale.

Per tale ragione, è altamente raccomandato che il proprietario sia in grado di riconoscere i sintomi di tale malattia sin dalle fasi iniziali. In tal modo, si potrà intervenire prontamente per prevenire ulteriori complicanze e garantire al felino una qualità di vita adeguata.

Che cos’è la malattia del rene policistico?

La malattia del rene policistico, o PKD, rappresenta una patologia caratterizzata dalla formazione di sacche contenenti liquido, chiamate cisti, sui reni del gatto. Tali cisti sono generalmente presenti fin dalla nascita e possono svilupparsi in maniera progressiva o rapida, causando una compromissione crescente della funzionalità renale.

Il loro numero e le loro dimensioni tendono ad aumentare con il tempo, ostacolando progressivamente la capacità dei reni di svolgere le proprie funzioni fisiologiche e portando infine a una completa insufficienza renale. È possibile che la PKD si presenti con una sola cisti di grandi dimensioni o con la comparsa di numerose cisti a carico di entrambi i reni.

Sintomi della malattia del rene policistico nel gatto

La diagnosi precoce della malattia del rene policistico, essendo la distinzione dei suoi sintomi da altre patologie renali spesso complessa, richiede particolare attenzione ai seguenti segni clinici:

La comparsa di tali segni, anche in presenza di apparente stato di salute del gatto, potrebbe infatti indicare l’insorgere di una malattia renale, tra cui la PKD. Pertanto, il monitoraggio costante dei parametri fisiologici e l’osservazione attenta di eventuali cambiamenti nella salute del felino rappresentano un passo fondamentale per garantire una diagnosi precoce e un intervento tempestivo. In ogni caso, è opportuno che il veterinario valuti qualsiasi anomalia sospetta.malattia del rene policistico gatto

Cause della malattia del rene policistico nel gatto

La malattia del rene policistico è una patologia felina ereditaria, caratterizzata dalla trasmissione del difetto genetico dalla madre ai propri cuccioli. Questa patologia è particolarmente diffusa nei gatti Persiani, con una percentuale di incidenza stimata intorno al 40%, ma può colpire anche altre razze feline, tra cui l’Himalayano, il British Shorthair e altre razze originarie della Persia.

Al contrario, la PKD è rara nei gatti che non presentano ascendenze persiane. La malattia è causata dalla mutazione del gene PKD1, ma le ragioni alla base di tale mutazione non sono ancora del tutto chiare.

Diagnosi

La diagnosi definitiva di malattia del rene policistico avviene tramite esame ecografico, che permette di identificare la presenza di cisti sui reni del gatto. Nelle fasi avanzate, la palpazione durante un esame fisico può rilevare la presenza di cisti renali, ma nelle fasi iniziali non sono rilevabili. La PKD solitamente manifesta sintomi intorno ai 7 anni di età del gatto, ma può comparire in qualsiasi momento della vita.

Gli esami di laboratorio, invece, possono contribuire alla diagnosi di una patologia renale ma non consentono di identificare la presenza di cisti. Gli esami del sangue forniscono informazioni sulla funzionalità renale, mentre la misurazione della pressione sanguigna e le radiografie possono essere utili per valutare le dimensioni dei reni e la presenza di ipertensione. Tutti questi strumenti sono utili per la gestione della malattia.

Inoltre, presso l’Università della California a Davis, è disponibile un test genetico specifico per lo screening della PKD nel gatto. Il test utilizza tamponi per raccogliere campioni di DNA dalla bocca del gatto e ricerca la presenza del gene PKD1. Tuttavia, questo test fornisce solo un esito positivo o negativo, ma non fornisce informazioni sulla gravità o lo stato di progressione della malattia.

Trattamento della malattia del rene policistico nel gatto

La malattia del rene policistico attualmente non ha una cura, ma è possibile gestire i sintomi attraverso un piano di trattamento personalizzato e la prevenzione delle complicanze. Il piano di trattamento e la longevità del gatto possono variare a seconda della gravità della malattia e della tempestività della diagnosi. I trattamenti disponibili includono antibiotici, antinfiammatori, acidi grassi omega-3, farmaci antidolorifici, stimolanti dell’appetito, fluidoterapia, piani dietetici e altri trattamenti specifici a seconda delle esigenze del gatto.

In alcuni casi, le cisti possono essere drenate, ma questo non rappresenta una soluzione permanente poiché le cisti tendono a riempirsi di liquido. La progressione della malattia può essere monitorata attraverso radiografie, ecografie, esami del sangue ripetuti, misurazione della pressione sanguigna e osservazione dei sintomi. Quando si verifica l’insufficienza renale, spesso viene considerata l’opzione dell’eutanasia in consulto con il veterinario per alleviare la sofferenza del gatto.

Prevenzione

La prevenzione della malattia del rene policistico nei gatti passa attraverso l’allevamento selettivo. I gatti Persiani e le altre razze a rischio per la presenza del gene PKD1 devono essere sottoposti a screening prima della riproduzione e tutti i gatti risultati positivi non devono essere autorizzati a riprodursi. Inoltre, si raccomanda il monitoraggio regolare della funzionalità renale per i gatti Persiani e per i gatti con ascendenza persiana.

Nonostante non sia possibile prevenire completamente lo sviluppo della malattia del rene policistico, la gestione dei sintomi può rallentarne la progressione.

Fonti

[riduci]

Condividi