Vai al contenuto
Home » Sintomi del cane » Insufficienza cardiaca nel cane: tipi, sintomi e cura

Insufficienza cardiaca nel cane: tipi, sintomi e cura

L’insufficienza cardiaca non è una malattia o una diagnosi specifica. Si tratta di una sindrome in cui una grave disfunzione si traduce nell’incapacità del sistema cardiovascolare di mantenere un’adeguata circolazione sanguigna. Esistono meccanismi limitati e specifici attraverso cui le malattie cardiache possono provocare uno scompenso del sistema cardiovascolare. Pertanto, esistono segni limitati e specifici che possono svilupparsi a seguito di insufficienza cardiaca.

Tipi di insufficienza cardiaca nel cane

L’insufficienza cardiaca può essere suddivisa in 4 classificazioni funzionali: insufficienza miocardica sistolica, impedenza all’afflusso cardiaco, sovraccarico di pressione e sovraccarico di volume.

Insufficienza miocardica sistolica

Si tratta di una riduzione generale della capacità del muscolo cardiaco di contrarsi. Può essere identificata mediante ecocardiografia (ultrasonografia). Durante la contrazione dei ventricoli, il movimento della parete cardiaca risulta ridotto. Se tale riduzione è significativa, non è possibile mantenere un flusso sanguigno normale. Può essere causata da fattori genetici, traumi, infezioni, farmaci o veleni, scosse elettriche, colpo di calore o tumori. Alcuni casi non hanno una causa nota.

Impedenza all’afflusso cardiaco

L’insufficienza cardiaca dovuta a una ostruzione dell’afflusso cardiaco può causare una diminuzione del flusso sanguigno. Tale impedenza può essere causata da una compressione esterna a carico del cuore (ad esempio, liquido nella sacca che circonda il cuore), disfunzione diastolica con conseguente rigidità del ventricolo e riempimento ventricolare ridotto, tumori o anomalie delle strutture fisiche del cuore.

Sovraccarico di pressione

L’insufficienza cardiaca causata dal sovraccarico di pressione insorge a seguito di un aumento a lungo termine dello stress a carico della parete cardiaca durante la contrazione. Questo può essere dovuto all’ostruzione del flusso sanguigno dal cuore o dall’aumento della pressione sanguigna in tutto il corpo o nelle arterie polmonari.

Sovraccarico di volume

L’insufficienza cardiaca da sovraccarico di volume si verifica a causa di qualsiasi malattia in grado di aumentare il volume di sangue nel ventricolo o nei ventricoli, aumentando conseguentemente il flusso sanguigno. Alla fine, questo porta all’insorgenza di segni di insufficienza cardiaca congestizia. Le malattie che provocano un sovraccarico di volume dell’insufficienza miocardica includono malattie delle valvole cardiache (ad esempio, malattia degenerativa delle valvole atrioventricolari), shunt sinistro-destro (ad esempio, dotto arterioso pervio, difetto del setto ventricolare) o stati ad alta gittata (come quelli causati da ipertiroidismo o anemia).

Meccanismi compensatori

Il sistema cardiovascolare mantiene la pressione sanguigna e il flusso sanguigno normali. In caso di malattia cardiaca, l’organismo utilizza meccanismi specifici nel tentativo di normalizzare queste funzioni e compensare gli effetti negativi che la malattia sta avendo sul corpo.

Esempio di meccanismi compensatori

Ad esempio, in un cane con cardiomiopatia dilatativa, il flusso sanguigno è rallentato dalla capacità ridotta del cuore di contrarsi. Questo comporta una riduzione della pressione sanguigna perché viene pompato meno sangue ad ogni battito. L’organismo compensa utilizzando il sistema nervoso simpatico per aumentare la capacità del muscolo cardiaco di contrarsi e aumentare la frequenza cardiaca. Questi effetti svaniscono nel giro di pochi giorni, dopodiché si attivano i meccanismi ormonali. Queste risposte aumentano la gittata cardiaca, la pressione sanguigna, il volume del sangue e il flusso sanguigno. Nei cani con grave insufficienza cardiaca congestizia, il volume ematico può aumentare fino al 30%.

Questi straordinari meccanismi consentono al cane di compensare malattie di entità lieve, poi moderata e anche grave spesso per anni. Alla fine, la progressiva insufficienza del muscolo cardiaco e l’attivazione a lungo termine di questi ormoni, nel tentativo di normalizzare il flusso sanguigno,  provocano danni a carico del cuore e di altri organi e insufficienza cardiaca. Il flusso sanguigno viene ulteriormente compromesso con segni progressivi di insufficienza cardiaca congestizia.

Biomarcatori cardiaci

Il veterinario può eseguire esami del sangue per misurare le proteine presenti nel sangue che aumentano in caso di alcuni tipi di malattie cardiache e insufficienza cardiaca. Questi esami del sangue, se eseguiti con altri test (come radiografie ed ecografie), possono essere utilizzati per diagnosticare le malattie cardiache.

insufficienza cardiaca cane

Photo by Alan Chen on Unsplash

Sintomi dell’insufficienza cardiaca nel cane

I segni associati all’insufficienza cardiaca dipendono dalle cause dell’insufficienza cardiaca e dalla camera cardiaca interessata.

Insufficienza cardiaca congestizia del lato sinistro

In caso di insufficienza cardiaca congestizia del lato sinistro, i segni sono associati a un backup della pressione nei vasi che apportano sangue al ventricolo sinistro. Questo provoca un accumulo di liquido all’interno dei polmoni (edema polmonare). I segni più comuni sono tosse, difficoltà respiratoria e intolleranza all’esercizio (stanchezza accompagnata a difficoltà respiratorie associate all’esercizio fisico).

Molti cani con insufficienza cardiaca congestizia del lato sinistro svengono a causa della mancanza di flusso sanguigno e ossigeno al cervello. Possono anche avere una frequenza cardiaca e pressione sanguigna basse e possono collassare.

I cani con insufficienza cardiaca congestizia sul lato sinistro spesso presentano una frequenza respiratoria più rapida rispetto ai cani sani. Il veterinario può consigliarti come contare il numero di respiri effettuati dal cane in un minuto quando dorme o riposa. La frequenza respiratoria durante il sonno può essere monitorata regolarmente per identificare l’insufficienza cardiaca precocemente e valutare la risposta del cane al trattamento.

Insufficienza cardiaca congestizia del lato destro

L’insufficienza cardiaca congestizia del lato destro provoca un aumento della pressione nei vasi sanguigni che trasportano il sangue nell’atrio destro e nelle vene e nei capillari del corpo. Questo può causare un accumulo di liquido nell’addome (ascite), nella cavità toracica, nel fegato e negli arti.

Insufficienza biventricolare

L’insufficienza biventricolare può insorgere quando entrambi i ventricoli destro e sinistro non funzionano correttamente, come nei cani con insufficienza del muscolo cardiaco dovuta a cardiomiopatia dilatativa o avvelenamento. È possibile osservare segni attribuibili a entrambe le forme di insufficienza cardiaca congestizia, sebbene sia comune che i segni di una prevalgano sull’altra.

Trattamento dell’insufficienza cardiaca nel cane

È importante trattare l’insufficienza cardiaca per migliorare le prestazioni del muscolo cardiaco, controllare le aritmie e la pressione sanguigna, migliorare il flusso sanguigno e ridurre la quantità di sangue che riempie il cuore prima della contrazione. Tutti questi elementi, se non controllati, possono danneggiare ulteriormente cuore e vasi sanguigni. È inoltre necessario ridurre la quantità di liquido presente nei polmoni, nell’addome o nella cavità toracica.

Farmaci

Sono disponibili molti farmaci per il trattamento dell’insufficienza cardiaca. I farmaci specifici, il dosaggio e la frequenza di somministrazione variano a seconda della causa e della gravità dell’insufficienza cardiaca e di altri fattori. Il veterinario curante è la figura più appropriata per decidere la terapia farmacologica adeguata per il cane.

Nota: Tutti i farmaci prescritti devono essere somministrati al cane come seguendo scrupolosamente le indicazioni del veterinario. In caso contrario, potrebbero non essere efficaci e persino causare gravi complicanze o danni.

  • Per la gestione del sovraccarico di liquido nel cane, vengono generalmente prescritti farmaci diuretici.
  • Il pimobendan migliora la contrazione del muscolo cardiaco, dilata i vasi sanguigni, aumenta la gittata cardiaca e riduce la pressione diastolica nei cani con insufficienza cardiaca congestizia causata da insufficienza della valvola atrioventricolare o cardiomiopatia dilatativa.
  • La digossina, parte di un gruppo di farmaci noti come inotropi positivi, può essere utilizzata per favorire la contrazione del muscolo cardiaco nei cani con determinate aritmie.
  • Gli ACE-inibitori (ACE sta per enzima di conversione dell’angiotensina) e i vasodilatatori possono dilatare i vasi sanguigni e quindi abbassare la pressione sanguigna.
  • I farmaci beta-bloccanti e i calcio-antagonisti sono utili in alcuni casi di insufficienza cardiaca congestizia.

Alimentazione

Gli obiettivi nutrizionali generali per i cani con insufficienza cardiaca includono un apporto calorico adeguato, la riduzione dell’infiammazione, il bilanciamento dei livelli di sodio e la supplementazione di eventuali carenze nutrizionali. La supplementazione con acidi grassi omega-3 può contribuire a ridurre l’infiammazione e gestire le aritmie.

Alcuni tipi di insufficienza cardiaca sono causati dalla carenza di un nutriente e possono essere trattati mediante la supplementazione del nutriente mancante. Tuttavia, questo tipo di insufficienza cardiaca è raro.

  • Per i cani con grave insufficienza cardiaca congestizia che non rispondono bene al trattamento convenzionale, viene spesso raccomandata una dieta povera di sodio.
  • Nei cani con insufficienza cardiaca congestizia di lieve/moderata entità, non è necessaria una drastica restrizione di sodio, ma dovrebbero comunque essere evitate diete ricche di sale e cibi umani (in particolare i classici avanzi della tavola).
  • Sono disponibili diete su prescrizione veterinaria formulate appositamente per questi diversi livelli di restrizione di sodio e diete casalinghe povere di sodio (per queste si raccomanda di rivolgersi a un veterinario nutrizionista).
  • Invece degli snack normali, è consigliabile preferire snack senza sodio.

L’utilizzo del sale non dovrebbe essere limitato nei cani con malattie cardiache che non presentano segni di insufficienza cardiaca congestizia, poiché tale restrizione può comportare l’attivazione precoce di alcuni ormoni.

Altri trattamenti

Ossigenoterapia

I cani con grave insufficienza cardiaca congestizia del lato sinistro e liquido nei polmoni (edema polmonare) potrebbero non ricevere abbastanza ossigeno. L’ossigeno può essere somministrato mediante una gabbia di ossigeno, una maschera, un collare elisabettiano provvisto di una fonte di ossigeno o un sondino nasale.

Toracentesi e addominocentesi

Toracentesi e addominocentesi sono procedure chirurgiche in cui viene inserito un ago sterile nella cavità toracica o nell’addome, rispettivamente, per rimuovere il liquido in eccesso. Possono essere eseguite per trattare i cani con insufficienza cardiaca congestizia che presentano un accumulo di liquido in queste aree. La procedura può portare a un rapido miglioramento dei segni e, se necessario, può essere eseguita regolarmente.

Broncodilatatori

Il trattamento con broncodilatatori viene generalmente riservato ai cani affetti da una malattia delle vie aeree a lungo termine. Di solito, non viene utilizzato per trattare l’insufficienza cardiaca congestizia ad eccezione dei casi in cui il cane sviene a causa di una breve aritmia cardiaca associata a malattie cardiache.

Soppressori della tosse

I soppressori della tosse non sono generalmente raccomandati nel trattamento dell’insufficienza cardiaca congestizia, perché mascherare i segni della tosse può aggravare il liquido sottostante presente nei polmoni. Tuttavia, se un cane, a cui è stata diagnosticata una grave malattia cardiaca, sperimenta tosse e l’ingrossamento del cuore rilevato in sede di radiografia toracica non mostra la presenza di liquido nei polmoni, la tosse può essere causata da un’infiammazione a lungo termine delle vie aeree (bronchite cronica). In questi casi, i soppressori della tosse possono essere utili.

Ansiolitici

I trattamenti ansiolitici possono essere usati con cautela per rilassare un cane con gravi problemi di respirazione durante una crisi respiratoria causata da insufficienza cardiaca congestizia.

Fonti

[riduci]

Aggiornato il 8 Giugno 2022 da AIS

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments