Home » Malattie del gatto » Pagina 7

Malattie del gatto

Allergie nel gatto: quali sono le più comuni?

L’allergia è una spiacevole reazione fisica che insorge a seguito di una reazione anomala del sistema immunitario del gatto ad un alimento, a una sostanza inalata o a qualcosa presente nell’ambiente in cui vive.

In assenza di un sistema immunitario, qualsiasi animale non sarebbe in grado di sviluppare resistenza a virus, batteri, proteine estranee e altre sostanze irritanti che hanno modo di entrare nel sistema. Talvolta, tuttavia, il sistema immunitario reagisce a sostanze che non rappresentano realmente un pericolo. Alcuni alimenti o sostanze (come pollini, polveri, piume, lana, polvere di casa e punture di insetti) causano una reazione caratterizzata da prurito e talvolta da starnuti, tosse, gonfiore delle palpebre, lacrimazione o vomito e diarrea. Questa reazione insorge sia nei gatti che negli esseri umani. In rari casi, il sistema immunitario reagisce contro le cellule stesse dell’organismo del gatto. Questi sono noti come problemi autoimmuni.

Per affermare che un gatto è allergico a qualcosa, l’esposizione alla sostanza “colpevole” deve verificarsi almeno un paio di volte. Ciò a cui è allergico il gatto viene denominato allergene. Il modo in cui l’organismo risponde a quell’allergene viene chiamato “reazione di ipersensibilità” o “reazione allergica”.

Esistono due tipi di reazioni di ipersensibilità. La tipologia immediata insorge poco dopo l’esposizione e produce orticaria e prurito. L’orticaria nel gatto è caratterizzata da gonfiore improvviso alla testa (di solito intorno agli occhi e alla bocca) e occasionalmente dalla comparsa di segni cutanei (in genere di colore rosso e in rilievo) in altre parti del corpo. La reazione ritardata produce prurito che insorge ore o giorni dopo. La dermatite da morso di pulce è un esempio di entrambe le tipologie. Questo spiega perché un gatto può continuare a grattarsi anche dopo che le pulci sono state rimosse sia dal corpo dell’animale che dall’ambiente in cui esso vive.

allergie_gatto.jpg

Leggi tutto »Allergie nel gatto: quali sono le più comuni?

Asma nel gatto: sintomi, cause e cure

L’asma felina, molto simile a quella umana, consiste in una infiammazione cronica a carico dei piccoli passaggi presenti nei polmoni del gatto. In caso di insorgenza di un attacco di asma, tali passaggi si ispessiscono e si restringono, rendendo molto difficoltosa la respirazione nell’animale. Questo spesso porta a difficoltà respiratorie, che possono aggravarsi nel giro di pochi minuti. I polmoni possono anche iniziare a suppurare muco nelle vie aeree, con conseguenti crisi di tosse e dispnea. Alcuni gatti affetti da casi di lieve entità possono sperimentare solo una lieve tosse cronica. Poiché l’asma può tramutarsi rapidamente in un problema di salute estremamente pericoloso per l’animale, l’eventuale presenza di tosse nel gatto necessita di essere valutata dal veterinario.

Quali sono i sintomi generali di asma nel gatto?

  • tosse persistente
  • il gatto assume una posizione accovacciata tenendo le spalle curve, il collo proteso in avanti e la respirazione diventa rapida oppure l’animale fa sforzi per respirare
  • produzione di muco schiumoso
  • respirazione con la bocca aperta
  • labbra e gengive blu
  • respiro affannoso a seguito di esercizio fisico

Leggi tutto »Asma nel gatto: sintomi, cause e cure

Problemi del tratto urinario nel gatto: cause, sintomi e cura

I problemi che interessano il sistema urinario inferiore del gatto spesso impediscono il corretto svuotamento della vescica urinaria oppure possono anche causare un blocco irreversibile dell’uretra (il canale che mette in comunicazione la vescica con l’esterno e attraverso il quale viene eliminata l’urina).

Molto spesso la causa è una patologia delle basse vie urinarie felina (FLUTD). Note in passato come sindrome urologica felina (FUS), le patologie delle basse vie urinarie feline non sono caratterizzate da un singolo problema, bensì da un insieme di sintomi clinici che possono essere riconducibili a molteplici cause.

I sintomi includono minzione frequente o dolorosa, presenza di sangue nelle urine e pulizia frequente da parte del gatto dell’apertura urinaria. Per poter formulare un trattamento adeguato, è importante determinare la causa principale del problema, che può includere calcoli vescicali (uroliti), ostruzione del tratto urinario, infezioni o cancro. Qualora la causa di questi sintomi non potesse essere determinata, si ritiene che il gatto possa essere affetto da una infiammazione a carico della vescica (cistite).

Per i problemi relativi al tratto urinario superiore del gatto, invitiamo l’utente a consultare questo articolo.

Cause

  • calcoli, cristalli o accumulo di detriti nella vescica o nell’uretra
  • tappo uretrale (accumulo di detriti provenienti dalle urine)
  • infiammazione o infezione della vescica
  • incontinenza dovuta ad una eccessiva assunzione di acqua o ad una vescica debole
  • lesione o tumore a carico del tratto urinario
  • stress
  • problemi a carico del midollo spinale
  • anomalia congenita

Leggi tutto »Problemi del tratto urinario nel gatto: cause, sintomi e cura