Vai al contenuto
Home » Alimentazione del cane » Allergia al pollame nel cane: sintomi e trattamento

Allergia al pollame nel cane: sintomi e trattamento

L’allergia al pollame nel cane è una risposta immunitaria iperattiva a una proteina specifica presente nell’ingrediente alimentare che il cane consuma. Il pollame, come il pollo, è uno dei principali allergeni alimentari per i cani, ma esistono anche altre opzioni come l’anatra che possono causare una minore incidenza di reazioni allergiche.

Le allergie alimentari nei cani possono manifestarsi attraverso una serie di disturbi cutanei, infezioni auricolari, problemi respiratori e disordini cronici gastrointestinali. Tale reazione è dovuta a una risposta immunitaria anormalmente elevata nei confronti di una proteina specifica, in questo caso una proteina del pollame, che viene percepita dal sistema immunitario come una sostanza estranea.

Il processo di digestione degli alimenti comporta la degradazione delle proteine in amminoacidi, che vengono poi assorbiti dagli enterociti presenti nell’intestino. Nel caso in cui le proteine non vengano completamente degradate durante la digestione, gli enterociti le riconoscono come una minaccia e scatenano una risposta immunitaria contro l’organismo.

Sintomi dell’allergia al pollame nel cane

Le allergie alimentari nel cane si manifestano solitamente negli animali adulti di età superiore ai tre anni. Tuttavia, va notato che l’insorgenza di un’allergia alimentare può influire negativamente sulla crescita di un giovane cane se non trattata tempestivamente. Le reazioni cutanee sono uno dei sintomi più comuni e sono localizzate principalmente intorno al muso, all’inguine, alle dita e alla regione sottostante le zampe anteriori.

Altri possibili sintomi possono includere:

  • Aree prive di pelo
  • Infezioni croniche dell’orecchio
  • Flatulenza
  • Infiammazione cronica delle zampe
  • Tosse
  • Diarrea
  • Orticaria
  • Leccamento eccessivo e compulsivo
  • Mordicchiamento della zampa
  • Portare la zampa al muso
  • Crescita stentata nei cuccioli e nei cani giovani
  • Scuotimento della testa
  • Infezioni cutanee
  • Eruzioni cutanee
  • Vomito
  • Respiro sibilante

Tipologie

Se il cane sviluppa allergie a una specifica proteina avicola, sono comunque disponibili altre fonti di proteine avicole adatte per la sua alimentazione. Il pollame utilizzato nell’alimentazione canina può variare e includere diverse opzioni, tra le più comuni ci sono pollo, anatra e tacchino.

Il pollo è la fonte di proteina avicola più comune nei cibi per cani e il maggiore responsabile delle allergie nel cane. L’anatra viene spesso utilizzata come alternativa al pollo o al tacchino, poiché presenta una minore incidenza di reazioni allergiche.

Il tacchino, talvolta utilizzato come alternativa economica al pollo, è meno allergenico ma presenta una maggiore incidenza di reazioni allergiche rispetto a scelte più esotiche.

Le proteine avicole esotiche, come l’oca, lo struzzo, il fagiano, la quaglia e il piccione, presentano un rischio minore di allergie, ma possono comunque causare reazioni avverse nel cane.

Cause dell’allergia al pollame nel cane

Allergia alimentare

Le allergie alimentari nei cani sono il risultato di una risposta immunitaria anomala alle proteine alimentari che vengono ingerite. Il sistema immunitario del cane riconosce erroneamente le proteine alimentari come “invasori” e produce anticorpi contro di esse. Quando il cane viene esposto nuovamente all’allergene, gli anticorpi si legano alle proteine alimentari e scatenano una cascata di reazioni infiammatorie che causano i sintomi dell’allergia.

È importante sottolineare che il primo contatto con l’allergene non causa necessariamente una reazione allergica. È necessario che il cane venga esposto all’allergene ripetutamente prima che il sistema immunitario inizi a riconoscerlo come un invasore e produca una risposta immunitaria contro di esso.

Molti ingredienti alimentari possono potenzialmente causare allergie nei cani, ma alcune proteine, come pollo, manzo, latticini e uova, sono più comunemente associate a reazioni allergiche nei cani. Tuttavia, è importante ricordare che ogni cane è a sé e la sua risposta alle proteine alimentari può variare significativamente da quella degli altri cani.

Intolleranza alimentare

Le intolleranze alimentari e le allergie alimentari sono due condizioni distinte. L’allergia alimentare è una risposta immunitaria a una specifica proteina alimentare che può causare sintomi come prurito, gonfiore, vomito, diarrea e in casi gravi anche shock anafilattico. L’intolleranza alimentare, invece, si riferisce a una reazione avversa al cibo che non coinvolge il sistema immunitario e non è causata dall’istamina, ma può causare sintomi gastrointestinali come dolore addominale, borborigmo e cambiamenti nella consistenza o nel colore delle feci. È importante notare che l’intolleranza alimentare può causare una degradazione impropria del cibo nell’apparato digerente, che può portare alla comparsa di allergie alimentari.

allergia pollame cane

Diagnosi

I sintomi di allergia alimentare nel cane sono prevalentemente di natura cutanea, pertanto il veterinario generalmente effettua un esame citologico cutaneo per diagnosticare il problema. Tale procedura consiste nel prelievo di cellule cutanee affette, le quali vengono poi analizzate al microscopio alla ricerca di segni di patologie, infezioni da lieviti o acari. Inoltre, il veterinario può raccomandare la dieta di eliminazione, che rappresenta il test diagnostico più comune per identificare e confermare le allergie alimentari.

Nella dieta di eliminazione, il regime alimentare del cane è costituito da cibi commerciali a basso contenuto di ingredienti o alimenti privi di condimenti destinati all’uso umano. Gli ingredienti nuovi, ovvero proteine e carboidrati non presenti nella dieta abituale del cane, sono solitamente la scelta migliore per la dieta di eliminazione. Il veterinario può suggerire una dieta su prescrizione e tutti gli ingredienti della dieta abituale devono essere esclusi per garantire la completa rimozione dei possibili allergeni, come farina di pollame, sottoprodotti e aromi.

Anche se le allergie al pollame o alle uova di solito si verificano separatamente, può essere opportuno eliminare anche gli ovoprodotti in caso di sospetto di allergia al pollame, poiché le proteine possono essere simili. Se la dieta di eliminazione viene seguita correttamente, i sintomi dovrebbero scomparire dopo alcune settimane. A questo punto, gli ingredienti vengono reintrodotti uno alla volta nella dieta del cane fino a quando l’allergene non viene identificato. Tuttavia, è importante che il cane non consumi alcun alimento al di fuori della dieta prevista per la dieta di eliminazione, poiché anche un singolo snack o una piccola porzione di avanzi contenente la proteina incriminata possono far riemergere l’allergia. Inoltre, è importante notare che le proteine del pollame possono essere presenti anche in:

  • Farmaci o integratori aromatizzati
  • Giocattoli in plastica aromatizzati
  • Dentifrici aromatizzati
  • Pelli grezze
  • Orecchie di maiale
  • Snack

Trattamento per l’allergia al pollame nel cane

Durante il periodo di diverse settimane necessario per la diagnosi dell’allergene attraverso la dieta di eliminazione, il cane potrebbe manifestare sintomi che richiedono un trattamento sintomatico. In alcuni casi, corticosteroidi e antistaminici possono ridurre il gonfiore e controllare il prurito. Tuttavia, molti veterinari preferiscono completare la dieta di eliminazione prima di raccomandare un trattamento sintomatico. Ciò è dovuto al fatto che l’utilizzo di tali farmaci può mascherare i segni visibili dell’allergia alimentare, rendendo più difficile determinare quale componente presente nel cibo del cane sta causando la reazione allergica. Una volta che l’allergene è stato identificato, l’eliminazione dell’ingrediente dalla dieta del cane è il passo successivo.

Gli integratori, come gli oli di Omega-3 e i probiotici, sono spesso consigliati per supportare il sistema immunitario e proteggere la pelle. L’aggiunta di questi integratori ha lo scopo di aiutare l’organismo del cane a gestire eventuali esposizioni accidentali ad allergeni e prevenire lo sviluppo di nuove allergie. Le infezioni cutanee secondarie sono comuni in caso di allergie alimentari, ma possono essere trattate mediante l’uso di antibiotici.

Nonostante le allergie alimentari non siano strettamente curabili, i segni generalmente scompaiono con l’eliminazione dell’ingrediente incriminato dalla dieta del cane. Tuttavia, le recidive possono verificarsi a causa di piccole esposizioni all’allergene, quindi è importante prestare attenzione alla lista degli ingredienti dei cibi e dei prodotti che il cane consuma.

Cosa fare a casa

Nella scelta di alternative proteiche nella dieta del cane, diverse fonti proteiche possono essere considerate come sostituti del pollame. La selezione di alimenti a base di ingredienti limitati contenenti proteine nuove e non utilizzate precedentemente nella dieta del cane può risultare efficace nel ridurre i sintomi delle allergie alimentari.

Fonti proteiche alternative per il cane potrebbero includere:

  • Broccoli
  • Uova
  • Pesce
  • Agnello
  • Lenticchie
  • Quinoa
  • Coniglio
  • Soia
  • Spinaci
  • Cervo
Fonti

[riduci]

Ultimo aggiornamento in data 15 Luglio 2023