Home » Alimentazione del cane » Quando il cucciolo non mangia: cosa fare?

Quando il cucciolo non mangia: cosa fare?

Avere un cucciolo che non mangia può rappresentare una situazione di emergenza. I cuccioli di età inferiore ai tre mesi, specie i cani di piccola taglia e di razza toy, sono predisposti all’ipoglicemia giovanile (bassi livelli di zuccheri nel sangue) quando non assumono una quantità adeguata di cibo.

Ecco 5 passaggi da seguire se il tuo cucciolo non mangia:

1. Scopri perché il tuo cucciolo non mangia

La prima cosa da fare è cercare di capire il motivo per cui il tuo cucciolo non mangia. Alcune cause possono essere di lieve entità, mentre altre possono rappresentare un serio problema per la salute del tuo animale.

Di seguito, elencheremo alcune cause di inappetenza:

  • Parassiti gastrointestinali (vermi), come nematodi, anchilostomi e tricocefali
  • Infezioni virali, come parvovirus o coronavirus
  • Infezioni da protozoi intestinali, come Coccidiosi o Giardia
  • Ingestione di tossine
  • Infezioni batteriche
  • Disturbi allo stomaco dovuti a un cambiamento alimentare improvviso o al consumo di avanzi
  • Consumo di cibo avariato presente nella spazzatura
  • Ingestione di un corpo estraneo (ovvero di un oggetto indigeribile, come calzini, giocattoli, ecc.)
  • Problemi congeniti, come shunt epatico o difetti cardiaci, così come molti altri problemi che possono interessare la funzionalità degli organi.
  • Stress e ansia
  • Temperature elevate

2. Valuta i sintomi del tuo cucciolo

Osserva accuratamente il tuo cucciolo per la presenza di sintomi concomitanti all’inappetenza. Ricerca eventuali cause sottostanti e presta attenzione all’insorgenza di ulteriori sintomi anomali, quali:

  • Vomito e/o diarrea
  • Presenza di vermi nelle feci
  • Pulci o zecche
  • Letargia o debolezza
  • Tremore, contrazioni muscolari e attacchi convulsivi
  • Zoppia
  • Segni di dolore o disagio
  • Tosse o difficoltà respiratoria
  • Pallore gengivale

cucciolo non mangia

3. Contatta il tuo veterinario di fiducia

Quando il cucciolo si ammala, la condizione può aggravarsi piuttosto rapidamente. Non aspettare troppo a lungo prima di contattare il veterinario. Se noti l’insorgere di uno dei sintomi di cui sopra, consulta celermente il tuo veterinario di fiducia.

Con molta probabilità, ti chiederà informazioni circa una eventuale esposizione del cucciolo a rifiuti o tossine, programmi di sverminazione pregressi, anamnesi vaccinale ed eventuale presenza di sintomi concomitanti, come vomito o diarrea. Provvederà, inoltre, a misurare la temperatura corporea del cucciolo, controllare i livelli di glucosio nel sangue, eseguire un esame delle feci e altri esami a seconda dei segni clinici e della valutazione del suo stato di salute.

4. Prova questi consigli per nutrire il tuo cucciolo

Di seguito troverai alcuni suggerimenti per incoraggiare il cucciolo a mangiare:

  • Offri al cucciolo il suo cibo abituale. Se si rifiuta di mangiare, prosegui con il passaggio successivo.
  • Inumidisci il cibo abituale del cucciolo con acqua o brodo di pollo per esaltarne il sapore. Talvolta, questo può rendere il cibo più appetibile.
  • Offri diversi alimenti per cuccioli in scatola per stimolare l’appetito del cucciolo. L’approccio migliore è aggiungere una piccola quantità di cibo in scatola al cibo abituale del cucciolo e sperare che lo gradisca. Il cibo in scatola può essere più appetibile e presenta l’ulteriore vantaggio di avere un maggiore contenuto di acqua, che favorisce l’idratazione.
  • Somministra al cucciolo una dieta leggera e digeribile, come una combinazione di hamburger bollito con riso. Puoi acquistare una versione commerciale di questa dieta, come Hill’s Science Diet i/d, oppure cucinarla tu stesso.
  • Riscalda una piccola quantità di cibo in scatola nel microonde per alcuni secondi per rilasciare l’aroma e stimolare nel cucciolo l’interesse per il cibo. Assicurati solo che il cibo non sia troppo caldo al tatto.
  • Offri al cucciolo cibo per bambini, come quello aromatizzato al pollo.
  • Siringa per alimentazione. Quando mescolati con l’acqua, gli alimenti per bambini o per cani in scatola possono essere facilmente introdotti in una siringa con cui è possibile nutrire delicatamente il cucciolo. Talvolta, somministrare una piccola quantità di cibo ad un cane o ad un cucciolo può stimolarne l’appetito. Assicurati che il cucciolo sia vigile e abbia un riflesso di deglutizione normale per ridurre al minimo il rischio di aspirazione.
  • Somministra al cucciolo solo una piccola quantità di cibo alla volta per assicurarti che lo tolleri e non inizi a vomitare.
  • Oltre ad incoraggiarlo a mangiare, incoraggialo anche a consumare liquidi. Le idee includono:
    • Aggiungi un cubetto di ghiaccio alla ciotola dell’acqua
    • Consenti al cucciolo di leccare l’acqua direttamente dalla tua mano o dalle tue dita
    • Offri piccole quantità di Pedialyte®
    • Offri brodo di pollo povero di sodio

Se provi questi suggerimenti e il cucciolo continua a non mangiare, la cosa migliore e più sicura da fare è portare l’animale dal veterinario.

Se il cucciolo appare debole, non riesce a sorreggersi sulle zampe e/o noti la presenza di contrazioni muscolari, si tratta di una situazione di emergenza che richiede assistenza medica immediata. Può essere infatti un segno di ipoglicemia. Per contrastare lo stato ipoglicemico, può essere utile passare sulle gengive del cucciolo un po’ di sciroppo Karo®.

5. Ricorda le cose da evitare

Se hai individuato le cause per cui il cucciolo non mangia, evita situazioni similari in futuro. Ad esempio, se il cucciolo è riuscito ad accedere alla spazzatura, evita una futura esposizione alla stessa. Se il cucciolo ha i vermi, assicurati di seguire il trattamento prescritto e tutte le istruzioni raccomandate dal veterinario.

Referenze

[riduci]

Aggiornato il 6 Maggio 2022 da AIS

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments