Vai al contenuto
Home » Malattie del cane » Epatite infettiva (adenovirus) del cane: cause, sintomi e trattamento

Epatite infettiva (adenovirus) del cane: cause, sintomi e trattamento

L’epatite è una condizione caratterizzata dall’infiammazione del fegato. In particolare, l’epatite infettiva canina (ICH) è un’infezione virale causata da un adenovirus (CAV-1). Benché altri membri della famiglia dei canidi, come le volpi, possano essere suscettibili all’infezione, il virus responsabile dell’ICH non rappresenta alcun rischio per gli esseri umani.

Qual è la modalità di diffusione del virus dell’epatite infettiva del cane?

Il virus dell’epatite è presente nelle urine e nelle secrezioni nasali e oculari degli animali infetti. La trasmissione avviene attraverso il contatto diretto con questi fluidi infetti. I cani giovani sono particolarmente suscettibili a contrarre il virus e i sintomi della malattia di solito si manifestano entro due o cinque giorni dall’esposizione. Tuttavia, il periodo di incubazione, ovvero il tempo che intercorre tra l’esposizione e la comparsa dei segni clinici, può estendersi fino a 14 giorni. Nei cani anziani, alcune infezioni da ICH possono passare inosservate o manifestarsi in modo lieve e risolversi senza necessità di intervento medico.

Segni clinici dell’epatite infettiva del cane

Nella forma più lieve della malattia, il cane affetto può manifestare una riduzione dell’appetito, apatia e una febbre leggera. Alcuni cani possono sviluppare opacità corneale di uno o entrambi gli occhi (l’occhio appare di colore azzurro) una o due settimane dopo l’esposizione al virus. Inoltre, i cani possono presentare segni respiratori, come secrezione oculare e nasale, insieme a una tosse simile a quella riscontrabile in altre infezioni del tratto respiratorio superiore o nella tosse dei canili.

Nei casi più gravi, tipicamente riscontrati nei cuccioli giovani, oltre a febbre, letargia e perdita dell’appetito, si possono manifestare sintomi come dolore addominale, vomito, diarrea, edema (accumulo di liquido sotto la pelle) della testa e del collo ed eventualmente ittero. Questi casi gravi spesso conducono a esiti fatali.

epatite infettiva cane

Trattamento

Come per la maggior parte delle infezioni virali, non esiste un trattamento specifico per l’epatite infettiva canina. Gli antibiotici, essendo inefficaci contro i virus, vengono prescritti solamente nel caso in cui si sviluppino infezioni batteriche secondarie. L’obiettivo principale del trattamento è mitigare i sintomi e concedere al sistema immunitario del cane il tempo necessario per rispondere all’infezione. Questo può comportare il ricovero ospedaliero, l’infusione di fluidi per via endovenosa e la somministrazione di farmaci finalizzati a mitigare i sintomi gravi.

Esiste un vaccino che può contribuire a proteggere il cane?

Esiste un vaccino per proteggere il cane dall’epatite infettiva canina (ICH). La pratica vaccinale ha dimostrato di essere molto efficace nel ridurre la diffusione di questa malattia. Di solito, il vaccino viene somministrato regolarmente nei programmi di vaccinazione per cuccioli, offrendo una protezione iniziale che si estende per diversi mesi, anche se questa protezione tende a diminuire col tempo.

Una volta che il cane raggiunge l’età adulta, il veterinario pianificherà un programma di vaccinazione adatto alle esigenze specifiche del tuo animale, valutando anche la necessità di richiami periodici. Dopo il primo richiamo annuale, l’American Animal Hospital Association (AAHA) raccomanda di vaccinare i cani contro l’epatite infettiva canina ogni tre anni utilizzando un vaccino approvato. Questo approccio mirato contribuisce a mantenere livelli elevati di immunità nel tempo, assicurando protezione continua contro questa infezione virale.

Fonti