Vai al contenuto
Home » Sintomi del cane » Spasmi muscolari nel cane: cause, sintomi e gestione

Spasmi muscolari nel cane: cause, sintomi e gestione

Se hai mai sperimentato uno spasmo muscolare, sai quanto possano essere dolorose queste contrazioni imprevedibili. All’improvviso, mentre sei comodamente sul divano o stai svolgendo le tue consuete attività, i tuoi muscoli si contraggono in modo doloroso, creando una sensazione di disagio e limitando la capacità di muoverti liberamente. In un attimo, la tranquillità viene interrotta dalla comparsa di uno spasmo muscolare che ti rende riluttante e incerto su come gestire questa improvvisa condizione fisica.

E se anche il tuo cane si trovasse a dover affrontare una situazione simile? È possibile che i cani sperimentino spasmi muscolari? La risposta è sì. Sebbene questi episodi dolorosi non siano particolarmente comuni nei cani, è importante comprenderne le cause sottostanti e sapere come fornire assistenza al tuo animale domestico.

Cosa sono gli spasmi muscolari del cane?

In entrambe le specie, umana e canina, il termine “spasmo muscolare” denota una contrazione muscolare spontanea e incontrollata.

Le contrazioni muscolari costituiscono un elemento normale della vita di tutti i giorni. Senza di esse, il cane sarebbe incapace di svolgere attività fondamentali come camminare, correre e compiere altri movimenti essenziali. In circostanze normali, il cane gestisce il controllo dei propri muscoli scheletrici, assicurandosi che operino in modo adeguato e prevedibile. Tuttavia, durante uno spasmo muscolare, si verificano contrazioni intense che sfuggono al normale controllo dell’animale.

Analogamente agli spasmi muscolari che colpiscono gli esseri umani, anche quelli che interessano i cani possono causare un dolore intenso. Pertanto, è importante affrontare questa manifestazione con serietà, poiché può influire in modo significativo sulla qualità della vita del tuo animale domestico.

Inoltre, sebbene gli spasmi muscolari di per sé siano raramente gravi o fatali, è fondamentale prestare attenzione alle condizioni sottostanti che ne sono la causa, in quanto possono rivestire una maggiore rilevanza in termini di gravità.

Cause

Gli spasmi muscolari possono originare da due principali fattori. In alcuni scenari, si verifica un’anomala stimolazione nervosa che induce il muscolo a contrarsi. In altri casi, gli spasmi muscolari possono essere il risultato di un’eccessiva eccitabilità delle cellule muscolari.

Ciò significa che qualsiasi condizione che influisce sui nervi o sui muscoli potrebbe potenzialmente generare spasmi muscolari. Tra queste condizioni rientrano:

  • Malattia del disco intervertebrale o altre patologie che coinvolgono la colonna vertebrale
  • Trauma che provoca irritazione o compressione dei nervi
  • Tumore nervoso
  • Malattia neuromuscolare
  • Ipercalcemia
  • Squilibri elettrolitici
  • Disidratazione
  • Sforzo fisico eccessivo
  • Tossine
  • Tetano
  • Virus del cimurro canino
  • Infezione da rabbia

Data la molteplicità delle cause sottostanti degli spasmi muscolari, risulta complesso predire il rischio per un singolo cane di sperimentare questa manifestazione. Alcune cause di spasmi muscolari presentano una componente genetica e tendono a colpire razze specifiche. A titolo esemplificativo, la malattia del disco intervertebrale è più frequente nel Bassotto. Altre cause sottostanti come traumi, malattie infettive e disidratazione o sforzo eccessivo sono relativamente imprevedibili e possono interessare cani di qualsiasi razza.

Sintomi

Gli spasmi muscolari possono coinvolgere diverse regioni anatomiche del corpo del cane, ma si manifestano più frequentemente nel collo, nelle zampe e nei muscoli paravertebrali lungo entrambi i lati della schiena dell’animale. Pertanto, è frequente osservare i sintomi concentrarsi in una o più di queste specifiche aree.

I segni che possono rivelare la presenza di spasmi muscolari includono:

  • Dolore
  • Zoppia
  • Rigidità muscolare evidente o tremore
  • Riluttanza a muovere la parte del corpo colpita
  • Irritabilità

Gli spasmi muscolari possono manifestarsi sia in forma transitoria che prolungata nel tempo. Alcuni sintomi possono risultare evidenti. Ad esempio, in caso di spasmo muscolare di moderata entità, è possibile notare una marcata rigidità, dolore e tremore a carico della zona colpita.

Tuttavia, alcuni segni di spasmo muscolare possono essere più sottili e persistere anche dopo che lo spasmo si è risolto. Per esempio, nei cani colpiti da spasmi muscolari al collo, la manifestazione più evidente potrebbe essere la riluttanza a mangiare dalla ciotola, poiché il dolore può rendere difficoltoso abbassare la testa.

spasmi muscolari cane

Spasmi muscolari e convulsioni: le differenze

Talvolta, le convulsioni nel cane possono presentare somiglianze con gli spasmi muscolari. Tuttavia, la distinzione tra queste due condizioni è di fondamentale importanza poiché le convulsioni solitamente richiedono un intervento più urgente rispetto agli spasmi muscolari.

La differenza tra uno spasmo muscolare e una crisi epilettica generalizzata è più facile da riconoscere. Oltre ai movimenti muscolari anomali, i cani in crisi convulsiva possono perdere conoscenza, il controllo della vescica e dell’intestino e manifestare comportamenti disorientati dopo l’episodio.

Alcuni cani possono manifestare crisi epilettiche parziali, che possono risultare più complesse da identificare. Durante una crisi parziale, il cane può rimanere cosciente e presentare movimenti muscolari anomali a livello di una parte del corpo specifica.

Distinguere le crisi parziali dagli spasmi muscolari può rivelarsi una sfida e potrebbe richiedere l’intervento del veterinario. Pertanto, è consigliabile consultare il veterinario in caso di dubbi riguardo ai sintomi manifestati dal cane.

Diagnosi

Se sospetti che il tuo cane possa sperimentare spasmi muscolari, è fondamentale sottoporlo a un esame veterinario approfondito per valutare attentamente i sintomi e ottenere una diagnosi precisa. Una diagnosi accurata rappresenta il primo passo per determinare il trattamento adeguato.

Il veterinario inizierà raccogliendo un quadro completo della storia medica del cane. Questo processo includerà una serie di domande mirate riguardo la salute generale dell’animale e aspetti specifici legati agli episodi di spasmi muscolari e ai sintomi correlati. In particolare, saranno richieste informazioni specifiche su quando si manifestano gli spasmi muscolari, con quale frequenza si verificano e se sono state notate eventuali circostanze o fattori scatenanti associati a questi episodi.

Preparati a descrivere accuratamente gli spasmi muscolari manifestati dal cane e, se possibile, considera la possibilità di registrare un video che mostri al veterinario i sintomi che destano la tua preoccupazione.

Successivamente, il veterinario procederà con un esame fisico approfondito. Molti spasmi muscolari derivano da un’irritazione nervosa, spesso associata a lesioni. Il professionista esaminerà attentamente la colonna vertebrale del cane e le zone in cui si sono manifestati gli spasmi muscolari per individuare eventuali anomalie che potrebbero essere correlate a danni nervosi.

Nel caso in cui la causa degli spasmi muscolari non risulti evidente durante l’esame iniziale, il veterinario potrebbe consigliare ulteriori approfondimenti diagnostici. Gli esami del sangue sono in grado di identificare eventuali condizioni come ipercalcemia e squilibri elettrolitici che potrebbero contribuire all’insorgenza degli spasmi muscolari, mentre l’imaging radiografico può essere impiegato per individuare possibili lesioni che coinvolgono la colonna vertebrale.

In situazioni più complesse, il veterinario potrebbe indirizzarti a uno specialista per ulteriori test. Ad esempio, i neurologi veterinari spesso eseguono un’elettromiografia (EMG) o uno studio della conduzione nervosa per ottenere una caratterizzazione più approfondita di eventuali malattie neuromuscolari.

Trattamento

Non tutti gli episodi di spasmo muscolare necessitano di un intervento terapeutico. Nel caso in cui il cane sperimenti uno spasmo muscolare isolato e sporadico, che si risolve rapidamente senza recidive, il veterinario potrebbe decidere di non intraprendere trattamenti specifici. Tuttavia, è consigliabile consultare il veterinario se il cane presenta spasmi muscolari ricorrenti. In questi casi, è essenziale una valutazione più approfondita per identificare la causa sottostante e determinare il trattamento più adatto.

Cosa fare a casa

L’unico trattamento domiciliare potenzialmente efficace per alcuni spasmi muscolari è il riposo. Se il cane sperimenta uno spasmo muscolare che si risolve spontaneamente, è consigliabile monitorarlo attentamente a casa. Durante questo periodo, è utile ridurre l’attività fisica del cane per consentire la risoluzione di eventuali gonfiori o infiammazioni. Si raccomanda di monitorare l’animale per verificare se l’episodio si ripresenta. Nel caso in cui gli spasmi muscolari persistano per oltre un giorno, è importante cercare cure veterinarie.

È importante NON somministrare al cane farmaci da banco, poiché gli antidolorofici da banco ad uso umano possono causare gravi danni alla salute dell’animale.

Trattamento veterinario

Il trattamento degli spasmi muscolari si basa generalmente sulla causa sottostante. Ad esempio, nel caso in cui la manifestazione sia attribuibile a una malattia del disco intervertebrale, il veterinario potrebbe raccomandare l’uso di farmaci antinfiammatori e un periodo di riposo rigoroso per affrontare l’infiammazione a carico della colonna vertebrale. Qualora gli spasmi muscolari siano provocati da ipercalcemia, il veterinario dedicherà particolare attenzione all’identificazione e al trattamento della causa sottostante di tale condizione.

Anche i rilassanti muscolari (miorilassanti), come il metocarbamolo, rivestono un ruolo significativo nel trattamento degli spasmi muscolari nel cane. Il metocarbamolo è un agente rilassante muscolare comunemente utilizzato in ambito veterinario. La sua prescrizione di solito è parte integrante di un piano di trattamento più ampio che, insieme ad altre terapie, mira ad affrontare la causa sottostante degli spasmi muscolari.

Inoltre, il veterinario potrebbe consigliare l’uso di antidolorifici per alleviare il disagio spesso associato a questa manifestazione.

Prevenzione

La maggior parte degli spasmi muscolari non può essere completamente prevenuta. Tuttavia, è possibile ridurne il rischio garantendo al cane una dieta ben bilanciata. È particolarmente importante mantenere il peso dell’animale entro un range sano, specie se il cane appartiene a una razza incline allo sviluppo di una malattia del disco intervertebrale, contribuendo così a minimizzare il rischio di lesioni.

Sebbene non esista un modo per prevenire tutti gli spasmi muscolari, è possibile intervenire prontamente attraverso l’assistenza veterinaria. Ciò significa che, quando si verifica uno spasmo muscolare nel tuo cane, la consulenza tempestiva da parte del veterinario consente di identificare e trattare rapidamente le condizioni sottostanti che potrebbero essere responsabili di questi episodi muscolari.

Fonti