Vai al contenuto
Home » Malattie del gatto » Infezioni oculari nel gatto: come riconoscerle e trattarle

Infezioni oculari nel gatto: come riconoscerle e trattarle

Aggiornato il 22 Marzo 2022 da AIS

Le infezioni oculari nel gatto possono causare disagio e talvolta anche dolore. In caso di infezione oculare, il gatto può manifestare svariati sintomi. Quindi, come è possibile capire quando l’animale soffre di un’infezione oculare e cosa è possibile fare al riguardo?

Sintomi delle infezioni oculari nel gatto

I gatti affetti da un’infezione oculare possono non presentare tutti gli stessi sintomi. In effetti, potrebbero essere presenti solo uno o due segni clinici di infezione. In genere, tuttavia, un gatto con un’infezione a carico degli occhi può manifestare uno qualsiasi dei seguenti sintomi:

  • Arrossamento oculare (arrossamento del bianco dell’occhio)
  • Secrezione che può essere acquosa o densa o chiara, di colore giallo o verde
  • Contrazione spasmodica delle palpebre, esigenza di strizzare gli occhi o di tenerli chiusi
  • La terza palpebra può coprire parte dell’occhio
  • Il gatto sfrega o passa la zampa sull’occhio
  • L’occhio può assumere un aspetto torbido
  • Starnuti o secrezione nasale
  • Sensibilità alla luce

Le infezioni oculari possono essere piuttosto irritanti. Il gatto che ne soffre potrebbe anche manifestare cambiamenti comportamentali, come nascondersi di più ed essere più capriccioso.

Cause potenziali delle infezioni oculari nel gatto

Un eventuale problema a carico degli occhi del gatto potrebbe essere effettivamente un’infezione batterica o virale, ma non tutte le infezioni oculari sono di natura infettiva. Esistono alcuni tipi di “infezioni” oculari che possono essere dovute a cause non batteriche o virali. Possibili cause di infezioni agli occhi possono includere:

Calicivirus

Il Calicivirus è un virus che può causare infezioni sia a carico delle vie respiratorie superiori che del cavo orale sia nei gatti domestici che in quelli selvatici. È altamente contagioso da gatto a gatto e si osserva comunemente sia nei rifugi che nei ricoveri per gatti.

Herpesvirus felino

Sì, i gatti possono contrarre l’herpes. In effetti, è abbastanza comune nei gatti. Il virus dell’herpes felino è l’agente eziologico di un processo patologico chiamato rinotracheite virale felina. Sebbene il virus dell’herpes felino non sia trasmissibile all’essere umano, una volta che il gatto lo contrae ne rimane portatore per tutta la vita.

Congiuntivite

Letteralmente significa “infiammazione della congiuntiva”. È molto simile all’occhio rosa nell’essere umano. La congiuntivite può manifestarsi da sola o in associazione ad altri disturbi oculari, come il Calicivirus e l’Herpesvirus felino.

Ulcere corneali

L’occhio del gatto, proprio come il nostro, ha uno strato sottile che copre la parte anteriore dell’occhio chiamata cornea. Se il gatto si graffia accidentalmente la cornea, è possibile la formazione di un’ulcera dolorosa.

infezioni oculari gatto

Photo by Fausto García-Menéndez on Unsplash

Opzioni di trattamento per le infezioni oculari nel gatto

Indipendentemente dal fatto che l’infezione oculare sia causata da un agente infettivo o non infettivo, il trattamento è spesso standard. La maggior parte dei rimedi casalinghi o dei trattamenti topici da banco non sono efficaci per eradicare completamente l’infezione. Quindi, è necessaria una visita veterinaria.

Per assicurarsi che venga scelto il farmaco giusto, il veterinario eseguirà un esame oftalmico con colorazione della cornea con fluoresceina per verificare la presenza di graffi o ulcere corneali. Nell’occhio del gatto vengono applicate alcune gocce di questo colorante non tossico. Questo colorante speciale è in grado di fissarsi nelle zone della cornea dove l’endotelio è danneggiato o assente. Dopo l’instillazione di fluoresceina, la superficie corneale viene osservata tramite lampada a fessura e viene valutata l’eventuale presenza di danni a carico dell’epitelio corneale.

Controllare la presenza di eventuali ulcere o graffi è importante. Questa informazione, infatti, è di utilità al veterinario per decidere se prescrivere un collirio con uno steroide o senza steroide. I colliri che contengono uno steroide possono contribuire ad alleviare il dolore e l’infiammazione associati all’infezione, ma possono anche ritardare la guarigione di un’ulcera corneale e potrebbero effettivamente aggravarla. Per questo motivo, il veterinario prima di prescrivere un farmaco eseguirà sempre il test di colorazione degli occhi con fluoresceina.

Una volta completato il test, il veterinario prescriverà colliri o unguenti per trattare l’infiammazione o l’infezione. Alcuni proprietari ritengono che le gocce siano più facili da applicare a casa, mentre altri preferiscono l’unguento. Sarà il veterinario a raccomandare l’opzione migliore per trattare gli occhi del gatto.

Prevenzione delle infezioni oculari nel gatto

Osservando le potenziali cause delle infezioni oculari, la prevenzione può sembrare un’impresa ardua. In realtà, esistono cose che il proprietario può fare per evitare che il gatto ne soffra.

Anzitutto, è fondamentale attenersi ad una adeguata e regolare profilassi vaccinale indipendentemente dal fatto che il gatto stia sempre in casa o passi la maggior parte del tempo all’aperto. Questo può contribuire a ridurre le probabilità di contrarre un’infezione.

Anche se il veterinario sospetta che il gatto possa aver già contratto l’herpesvirus felino, è comunque importante mantenere una profilassi vaccinale appropriata come raccomandato dal veterinario. La maggior parte delle riacutizzazioni dell’herpesvirus sono autolimitanti, nel senso che si risolvono senza trattamento. Se il veterinario sospetta che questa è la causa dei problemi oculari del gatto, potrebbe consigliare un integratore per rafforzare le difese immunitarie chiamato L-lisina. Si tratta di un integratore sicuro che può essere somministrato come snack o da masticare, sotto forma di gel che il gatto può leccare dalla zampa o di granuli che il proprietario può mescolare al cibo umido. La L-lisina può essere somministrata a lungo termine per prevenire le riacutizzazioni.

Anche accorciare regolarmente gli artigli del gatto, specie quelli anteriori, può contribuire a prevenire eventuali ulcere corneali o graffi dovuti a una toelettatura particolarmente esuberante.

Le infezioni oculari di solito non sono gravi, ma sono spiacevoli da sopportare per il gatto. Se hai il sospetto che il tuo gatto soffra di un’infezione agli occhi, non esitare a contattare il veterinario per fissare un appuntamento.

Fonti

[riduci]
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments