Home » Sintomi del gatto » Leccamento eccessivo dell’area genitale nel gatto

Leccamento eccessivo dell’area genitale nel gatto

Il gatto, si sa, dedica molto tempo alla propria igiene personale. La pulizia non riguarda solo zampe e corpo, ma anche l’area genitale nel tentativo di rimuovere impurità, secrezioni e detriti. Secondo il Dr. Nicholas H. Dodman, veterinario comportamentalista presso la Cummings School of Veterinary Medicine della Tufts University, i gatti trascorrono circa l’8-15% del loro tempo di veglia all’igiene personale.

Il leccamento eccessivo, noto anche come toelettatura eccessiva, può essere causato da una varietà di disturbi medici, comportamentali, parassitari o allergici. D’altra parte, quando il gatto trascura la propria igiene personale può indicare uno stato di malessere ed essere il primo segno evidente di una malattia sistemica sottostante.

Sebbene il lambimento (leccamento) dell’area genitale sia normale, quando eccessivo può indicare la presenza di un problema medico. In considerazione della vicinanza fra area genitale e rettale, molti proprietari hanno difficoltà a determinare con precisione la sede del leccamento. Se l’area interessata è quella anale, il problema può essere causato da parassiti o problemi alle ghiandole anali. Se, invece, il leccamento interessa l’area limitrofa ai genitali la causa potrebbe essere dolore, ferite da morso, pulci, infezioni cutanee e vari altri problemi.

Possibili cause del leccamento eccessivo dell’area genitale nel gatto

Le cause relative al lambimento dell’area genitale nel gatto includono dolore, infiammazione, problemi alle vie urinarie o all’apparato riproduttivo e secrezioni anomale.

La presenza di secrezioni genitali il più delle volte suggerisce un problema sottostante, che può variare da un disturbo di lieve entità e relativamente benigno a una malattia grave, persino pericolosa per la vita dell’animale. Le cause di tali secrezioni possono differire nei gatti maschi e femmine e sono le seguenti:

  • Nei gatti maschi, per secrezione prepuziale anomala si intende qualsiasi sostanza che fuoriesce dal prepuzio e che causa il leccamento eccessivo. Questa secrezione può consistere in sangue, urina o pus. Un gatto normale non dovrebbe avere secrezioni. Tuttavia, una piccola quantità di smegma (prodotto di secrezione dei genitali maschili) giallo-biancastro può accumularsi attorno all’apertura prepuziale e non è considerarsi clinicamente significativa.
  • Nei gatti femmina, la presenza di secrezioni vaginali anomale può provocare leccamento eccessivo. Per secrezione vaginale si intende qualsiasi sostanza che fuoriesce dalle labbra vulvari (i genitali femminili esterni). Le secrezioni vaginali possono essere normali nel periodo post-partum e talvolta possono persistere per un periodo che va da 6 a 8 settimane.

Le condizioni che causano un lambimento eccessivo dell’area genitale includono:

Ascessi

Gli ascessi secondari a ferite da morso sono comuni nel gatto. Si verificano nella parte posteriore del corpo del gatto vicino alla base della coda, sopra i fianchi o vicino all’area genitale.

Problemi alle ghiandole anali

Le ghiandole anali hanno all’incirca le dimensioni di un pisello e si trovano su ciascun lato del retto. Servono al gatto per marcare il territorio, ma possono impattare o divenire infette. I sintomi comuni relativi a una malattia delle ghiandole anali includono cattivo odore, gonfiore vicino o appena al di sotto e lateralmente al retto, dolore e/o leccamento o tentativi di lambimento vicino all’area.

Calcoli vescicali

Conosciuti anche come urolitiasi, i calcoli vescicali possono svilupparsi ovunque nel tratto urinario inclusi reni, uretere o vescica. Possono depositarsi mentre tentano di uscire dal tratto urinario, causando dolore. La pressione esercitata dal calcolo, il dolore o le infezioni secondarie possono causare un leccamento eccessivo dell’area genitale.

Dermatite

I processi infiammatori e le infezioni cutanee possono causare lesioni in qualsiasi parte del corpo del gatto, anche vicino all’area genitale.

Disturbi del prepuzio

Neoplasia, traumi, corpi estranei o balanopostite (infiammazione del pene/prepuzio) possono causare problemi nei gatti maschi.

Cistite idiopatica felina (FIC)

La cistite idiopatica felina colpisce l’1% di tutti i gatti. Conosciuta anche come malattia del tratto urinario inferiore felino (FLUTD), sindrome urologica felina (FUS) e sindrome della vescica dolorosa (PBS), questo disturbo provoca l’infiammazione del tratto urinario inferiore. Ne consegue un accumulo di detriti e cristalli che possono aggregarsi, causando disagio e talvolta un “tappo” doloroso che porta all’insorgenza di un’ostruzione.

leccamento eccessivo gatto

Ostruzione urinaria felina

L’ostruzione urinaria è una condizione estremamente grave che comporta un blocco nel tratto urinario. Si sviluppa comunemente nell’uretra nei gatti maschi. Se non trattata, può tradursi in decesso dell’animale nel giro di 72 ore. La presenza di un’ostruzione urinaria felina è la causa più comune e grave di leccamento dell’area genitale. Il blocco può essere causato da calcoli o come parte della sindrome nota come cistite idiopatica felina (FIC).

Toelettatura eccessiva

La toelettatura eccessiva si verifica quando il gatto si lecca in modo eccessivo per una serie di motivi, inclusi problemi di natura comportamentale.

Prurito

Questa condizione può interessare qualsiasi area del corpo del gatto. Le cause comuni del prurito nel gatto includono problemi cutanei di natura allergica e pulci.

Piometra

Questa infezione dell’utero provoca dolore e può causare la fuoriuscita di pus dalla vagina. Può essere pericolosa per la vita del gatto e richiede l’asportazione chirurgica dell’utero.

Placenta ritenuta

Anche se si tratta di un’eventualità piuttosto rara nel gatto, l’organo che unisce il feto al rivestimento dell’utero rimane all’interno dell’utero senza fuoriuscire spontaneamente causando dolore, disagio e secrezioni.

Incontinenza urinaria

Si tratta dell’incapacità di trattenere l’urina e può verificarsi secondariamente a un uretere ectopico (mancato o errato sbocco dell’uretere in vescica) o a un problema a carico dello sfintere. La presenza eccessiva di secrezione può portare al lambimento dell’area interessata da parte del gatto.

Infezioni del tratto urinario

Conosciute anche come cistiti, queste infezioni causano infiammazione, secrezioni e leccamento.

Tumori del tratto urinario

I tumori del tratto urinario possono svilupparsi ovunque, comprese vie urinarie, uretra e vescica. I sintomi possono includere infezioni ricorrenti del tratto urinario, presenza di sangue nelle urine, sforzo durante la minzione e minzioni frequenti.

Neoplasia vaginale (cancro)

Sebbene non sia comune nel gatto, questa condizione può causare lambimento eccessivo.

Vaginite

L’infiammazione della vagina viene talvolta osservata nelle gatte di età inferiore a un anno e può risolversi dopo il primo ciclo estrale.

Sintomi del leccamento eccessivo dell’area genitale nel gatto

Il gatto può manifestare i seguenti segni anomali:

  • Leccamento eccessivo
  • Spotting su cuccia, moquette o qualsiasi superficie
  • Secrezioni genitali
  • Gonfiore dell’area genitale
  • Scooting (il gatto struscia regolarmente il sedere sul pavimento)
  • Comportamenti urinari anomali, come tenesmo (sforzo nella lettiera), minzioni scarse e frequenti o minzione inappropriata (fuori dalla cassetta igienica).
  • Infezione parassitaria
  • Gonfiore o infiammazione associata al prepuzio/pene o alla vulva
  • Segni sistemici di problemi, come:

Diagnosi del leccamento eccessivo dell’area genitale nel gatto

È importante che il veterinario esegua un esame fisico completo, inclusivo di esame genitale approfondito e palpazione dell’addome. Inoltre, il veterinario può raccomandare i seguenti esami diagnostici:

  • Esame emocromocitometrico completo, profilo biochimico e analisi delle urine. Sebbene i valori spesso rientrino entro limiti normali, possono comunque indicare segni di infezione o infiammazione.
  • Urinocoltura batterica per verificare la presenza di un’infezione del tratto urinario e determinare quale organismo sta causando il problema.
  • Test di sensibilità. Può essere raccomandato per determinare quale antibiotico può risultare più efficace per combattere i batteri.
  • Esame citologico (cellule raccolte dalle secrezioni). Può contribuire alla valutazione di infiammazione, infezioni o cancro.
  • Radiografie addominali. Possono valutare la presenza di calcoli vescicali, piometra (utero infetto), tumori, placenta ritenuta o anomalie della prostata nei gatti maschi.
  • Ecografia addominale. È di utilità per fornire una valutazione maggiormente approfondita delle strutture addominali, comprese le vie urinarie e l’apparato riproduttivo.
  • Profilo coagulativo. Può essere utile in caso di secrezione con presenza di sangue e/o nel caso in cui vi sia il sospetto di un problema di coagulazione.

Trattamento del leccamento eccessivo dell’area genitale nel gatto

Il trattamento, ovviamente, dipenderà dalla causa sottostante.

Le raccomandazioni per il trattamento del leccamento eccessivo dell’area genitale nel gatto possono includere:

  • Trattamento di qualsiasi ascesso presente nell’area mediante drenaggio, antibiotici e antidolorifici.
  • Spremitura delle ghiandole anali nel caso in cui siano impattate o trattamento delle infezioni a carico delle ghiandole anali a seconda dei casi.
  • Somministrazione di antibiotici in caso di dermatiti, vaginiti o infezioni del tratto urinario.
  • Cateterizzazione in caso di ostruzioni urinarie.
  • Intervento chirurgico (cistotomia, incisione chirurgica della vescica) o gestione dietetica per il trattamento dei calcoli vescicali.
  • Sterilizzazione (ovarioisterectomia) per le infezioni uterine (piometra) o in caso di placenta ritenuta.
  • Asportazione di eventuali masse tumorali.
  • Fluidoterapia per correggere la disidratazione e farmaci antinfiammatori e antidolorifici, a seconda dei casi, e altre terapie ritenute necessarie in base ai segni clinici.

Cosa fare a casa

  • Somministrare al gatto tutti i farmaci prescritti secondo le modalità indicate dal veterinario.
  • Incoraggiare il gatto a mangiare e bere.
  • Utilizzare un collare elisabettiano (se consigliato) per evitare che il gatto lecchi l’area genitale.
  • Assicurarsi che la cassetta igienica sia sempre pulita e la lettiera in una formula senza profumo. È importante avere almeno una cassetta igienica per gatto più una.
  • Monitorare attentamente il gatto per assicurarsi che utilizzi la cassetta igienica in modo normale. La presenza di sforzo, minzioni frequenti ma scarse o vocalizzazione mentre il gatto è nella cassetta igienica, potrebbe indicare una emergenza medica. Inoltre, se i segni clinici non accennano a migliorare o si aggravano oppure in caso di insorgenza di altri sintomi (come inappetenza, vomito o letargia), è consigliabile contattare immediatamente il veterinario o la clinica veterinaria più vicina.
Fonti

[riduci]

Aggiornato il 19 Agosto 2022 da AIS

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments