Perché il naso del cane cambia colore e ha le croste?

Il naso del cane può dirci molto sulla salute generale della sua pelle. Sia che si tratti di alterazioni della pigmentazione che della formazione di croste, è sempre comunque consigliabile rivolgersi al veterinario per una opportuna valutazione di qualsiasi cambiamento che possa coinvolgere il naso del cane.

Perché il naso del cane cambia colore?

Le alterazioni della pigmentazione comportano una variazione del colore abituale del tartufo (il naso) del cane, che può diventare grigio (ipopigmentazione) o rosa (depigmentazione). Inoltre, è possibile che compaiano lentiggini su un naso che in origine era di tonalità chiara.

Le malattie che possono causare una perdita di pigmentazione includono:

Ipopigmentazione nasale stagionale (nota anche come “naso di neve”)

Si tratta di una alterazione benigna caratterizzata da uno schiarimento parziale e ciclico del tartufo del cane. Questo fenomeno è osservato principalmente nelle razze Golden Retriever, Labrador Retriever e Siberian Husky. In genere, non sono rilevabili altri cambiamenti visibili sul naso e il quadro clinico non richiede terapie specifiche.

Vitiligine

La vitiligine è una malattia immunomediata che induce una progressiva perdita di pigmentazione cutanea. Spesso colpisce il naso e si manifesta con uno schiarimento del pelo e delle aree cutanee circostanti, come labbra e palpebre. Tale disturbo può svilupparsi gradualmente e attualmente non esiste un trattamento consolidato per la sua gestione. Tuttavia, i segni clinici associati sono prevalentemente di natura estetica e non causano alterazioni sistemiche.

Lupus eritematoso discoide

Il lupus eritematoso discoide è una malattia di natura immunomediata che conduce alla depigmentazione del tartufo. Tuttavia, questa condizione si distingue dalla vitiligine in virtù della presenza di erosioni, ulcerazioni o fessurazioni cutanee, che possono risultare in sanguinamento e formazione di croste. La progressione non trattata di questa malattia può condurre alla perdita di tessuto cutaneo. La sua distinzione dalla piodermite mucocutanea (descritta di seguito) può risultare complessa e spesso richiede una biopsia come mezzo diagnostico definitivo. Dato che si tratta di un disturbo focale immunomediato, l’approccio terapeutico tende ad affidarsi all’impiego di farmaci a livello topico.

Linfoma cutaneo

Il linfoma cutaneo rappresenta un raro tipo di cancro che induce comunemente una perdita di pigmentazione su naso, labbra e palpebre. Oltre a questo effetto, la condizione spesso si accompagna a gonfiore nasale, ulcerazioni e formazione di croste. È possibile anche osservare la comparsa di lesioni cutanee generalizzate. Per una diagnosi accurata, è necessaria una biopsia.

naso cane cambia colore

Perché si formano le croste sul naso del cane?

La comparsa di formazioni crostose sul tartufo del cane può manifestarsi in forma focale o generalizzata. Questo fenomeno può presentarsi come un’alterazione singola oppure in concomitanza con altre problematiche, come la perdita di pigmentazione, screpolature e sanguinamento. È essenziale annotare tutti i cambiamenti osservati, poiché tali informazioni possono contribuire ad agevolare il processo diagnostico.

Le malattie che possono essere responsabili della formazione di croste sul naso del cane sono:

Xeromycteria (nota anche come naso parasimpatico)

Questa condizione è caratterizzata dalla formazione focale unilaterale di croste sul naso del cane. È il risultato della perdita di innervazione dei nervi che stimolano le secrezioni deputate al mantenimento dell’idratazione nasale. Spesso è associata a secchezza oculare e può derivare da traumi ai nervi o dall’ipotiroidismo.

Piodermite mucocutanea

Questo disturbo è causato da un’infezione batterica che coinvolge le mucose. Può provocare la formazione focale o generalizzata di croste sul naso del cane. La causa precisa della piodermite mucocutanea è ancora sconosciuta, ma in alcuni casi è stata associata a malattie allergiche o traumi. I sintomi di questa condizione sono simili a quelli del lupus eritematoso discoide.

Pemfigo foliaceo

Questa malattia immunomediata coinvolge il naso e causa la formazione di croste che possono estendersi dal naso ai peli del muso, intorno agli occhi, sui cuscinetti delle zampe e nella zona marginale delle orecchie. Spesso provoca lesioni generalizzate. La diagnosi di pemfigo foliaceo richiede una biopsia. La terapia comporta l’uso a lungo termine di farmaci immunomodulatori.

Come si determina la causa delle alterazioni della pigmentazione nel naso del cane?

Per poter predire la prognosi e formulare un piano terapeutico ottimale, è generalmente necessario un iter diagnostico completo, soprattutto in considerazione della diversificazione delle possibili eziologie.

In genere, possono essere condotti diversi esami diagnostici. Nel caso in cui si riscontri la presenza di formazioni crostose, verranno prelevati campioni per l’analisi alla ricerca di agenti batterici e cellule infiammatorie. Qualora non emergano evidenze di infezioni, potrebbe rendersi necessaria l’esecuzione di una biopsia al fine di identificare la causa sottostante.

In generale, la maggior parte delle patologie nasali è gestibile e il veterinario rimane sempre la figura più indicata a cui fare riferimento per mantenere il naso del cane in salute.

Fonti

[riduci]

Condividi