Vai al contenuto
Home » Malattie del cane » Sindrome serotoninergica nel cane: cause, segni e cura

Sindrome serotoninergica nel cane: cause, segni e cura

La serotonina è un neurotrasmettitore prodotto dall’organismo del cane che regola l’umore, il sonno, la temperatura corporea, la percezione del dolore, la costrizione dei vasi sanguigni, la funzione gastrointestinale e persino la coagulazione del sangue.

Un cane affetto da sindrome serotoninergica sperimenta effetti eccessivi della serotonina. L’iperstimolazione dei recettori della serotonina comporta una varietà di cambiamenti mentali, anomalie neuromuscolari e funzioni corporee alterate, chiamati collettivamente sindrome serotoninergica.

Cause della sindrome serotoninergica nel cane

La sindrome serotoninergica è causata dal consumo di quantità eccessive di farmaci serotoninergici (promotori della serotonina). Esistono diverse tipologie di questi farmaci e possono essere prescritti sia agli animali domestici che all’essere umano. I farmaci serotoninergici includono:

  • antidepressivi triciclici (come trazodone e amitriptilina)
  • inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (come fluoxetina e sertralina)
  • inibitori delle monoaminossidasi (IMAO, come selegilina)
  • agenti di rilascio della serotonina (farmaci ad uso umano per l’ADHD)
  • precursori della serotonina (come il triptofano).

I cani in genere sviluppano la sindrome serotoninergica a seguito dell’ingestione di una quantità eccessiva dei farmaci sopra citati. Nel caso in cui il cane ingerisca i farmaci serotoninergici del proprietario mentre sta già assumendo la medesima tipologia di farmaci, gli effetti possono essere esacerbati.

Talvolta, questa sindrome si verifica quando a un cane vengono prescritti due farmaci serotoninergici contemporaneamente. Ad esempio, quando il veterinario non è a conoscenza del fatto che il cane sta assumendo un farmaco serotoninergico e ne prescrive uno aggiuntivo. Per questo motivo, è importante riferire sempre al veterinario tutti gli eventuali farmaci che sta assumendo il cane. Nel caso in cui il veterinario venga visitato da più veterinari, assicurati che ognuno di loro abbia l’elenco completo dei farmaci assunti dal cane, per prevenire interazioni farmacologiche come la sindrome serotoninergica.

sindrome serotoninergica cane

Photo by Thirteen J on Unsplash

Segni clinici della sindrome serotoninergica

I segni clinici della sindrome serotoninergica possono variare a seconda del tipo di farmaco e della quantità che il cane ha ingerito.

I segni gastrointestinali comuni dovuti agli effetti della serotonina sul sistema gastrointestinale sono:

I cani affetti spesso presentano:

  • frequenza cardiaca elevata
  • tremori muscolari
  • rigidità muscolare
  • ipereccitazione
  • irrequietezza
  • respirazione a bocca aperta
  • agitazione

È possibile anche osservare alterazioni dello stato mentale, tra cui:

  • disorientamento
  • stato confusionale

Nei casi gravi, il cane può anche sperimentare manifestazioni convulsive.

Questi segni possono manifestarsi entro un’ora dall’ingestione dei farmaci serotoninergici. In caso di dosaggio continuato, tuttavia, potrebbero essere necessari diversi giorni per osservare gli effetti cumulativi della sindrome serotoninergica.

Diagnosi

La sindrome serotoninergica viene in genere diagnosticata sulla base della combinazione dei segni clinici caratteristici e di una nota esposizione a farmaci serotoninergici. Il veterinario eseguirà un esame fisico approfondito alla ricerca di eventuali anomalie neuromuscolari e altri segni che potrebbero essere coerenti con la sindrome serotoninergica.

Qualora il cane manifestasse segni di questa sindrome in assenza di una nota ingestione di farmaci serotoninergici, il veterinario può raccomandare di sottoporre un campione di sangue e di urine a un laboratorio tossicologico per la ricerca della presenza di questi farmaci nel sistema del cane. Tuttavia, potrebbero essere necessari diversi giorni prima di ottenere gli esiti di questi test. Quindi, il veterinario probabilmente inizierà il trattamento presuntivo in attesa dei risultati.

Trattamento della sindrome serotoninergica nel cane

Il trattamento della sindrome serotoninergica dipende in gran parte dai segni clinici del cane.

Se presenta segni molto lievi, il veterinario può semplicemente suggerire di interrompere la somministrazione dei farmaci o di ridurre il dosaggio. È di fondamentale importanza che qualsiasi variazione in riferimento al tipo di farmaco utilizzato venga effettuata esclusivamente con la supervisione del veterinario. Infatti, interrompere improvvisamente la somministrazione di un farmaco serotoninergico può causare effetti dannosi per il cane.

In caso di recente sovradosaggio, il veterinario può dapprima tentare la decontaminazione gastrointestinale. L’obiettivo della decontaminazione è eliminare eventuali residui farmacologici dal tratto gastrointestinale del cane per ridurne l’assorbimento e prevenire un aggravamento degli effetti. Il veterinario prima indurrà il vomito e successivamente procederà alla somministrazione di carbone attivo per legare eventuali residui del farmaco nel tratto gastrointestinale del cane. Una volta terminata la decontaminazione, l’animale dovrà rimanere ospedalizzato per osservazione e per trattamento di supporto adeguato.

I trattamenti saranno somministrati sulla base dei segni clinici del cane e possono includere le seguenti tipologie di farmaci:

  • antinausea
  • antidiarroici
  • miorilassanti
  • antiepilettici

Il ricovero del cane può durare alcuni giorni per consentire al team veterinario di gestire gli effetti della sindrome serotoninergica.

Prognosi

La prognosi del cane dipende dalla gravità dei segni clinici, dalla rapidità con cui viene iniziato il trattamento e dallo stato di salute generale del cane. La maggior parte dei cani che manifesta segni clinici lievi e che viene sottoposta a un trattamento tempestivo, presenta una prognosi buona. In questi casi, la completa guarigione avviene entro 36-48 ore. Nel caso in cui l’animale presenti segni gravi o questi segni non vengano trattati per un periodo di tempo prolungato, la prognosi può essere riservata.

Fonti

[riduci]

Aggiornato il 23 Maggio 2022 da AIS

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments