Vai al contenuto
Home » Malattie del gatto » Calcoli vescicali di ossalato di calcio nel gatto

Calcoli vescicali di ossalato di calcio nel gatto

I calcoli vescicali di ossalato nel gatto sono formati da cristalli del minerale ossalato di calcio. Benché un’esigua presenza di questi cristalli nelle urine possa ritenersi fisiologica, in alcuni felini si riscontra una quantità notevolmente superiore. In specifiche circostanze, tali cristalli possono agglomerarsi formando calcoli sia all’interno della vescica che in altre zone del tratto urinario.

L’incidenza dei calcoli vescicali di ossalato costituisce un crescente numero di casi di calcolosi vescicale felina. Sebbene in passato fossero rari, rappresentando meno del 10% dei casi totali di calcoli vescicali felini, nell’arco degli ultimi 40 anni tale fenomeno ha conosciuto un aumento e attualmente rappresenta oltre il 40% dei casi di calcoli vescicali nei gatti.

Cause dei calcoli vescicali di ossalato di calcio nel gatto

Attualmente, la causa precisa dei calcoli vescicali di ossalato nei gatti non è ancora del tutto compresa. Tuttavia, sono stati identificati diversi fattori di rischio associati alla loro formazione. In particolare, alcune razze feline, tra cui Burmese, Himalayano, Persiano e Siamese, sono considerate geneticamente predisposte a sviluppare questo tipo di calcoli. Inoltre, i gatti maschi, obesi, di mezza età e anziani sembrano essere maggiormente soggetti alla formazione di calcoli di ossalato.

L’incidenza di calcoli di ossalato sembra correlarsi con livelli elevati di calcio e ossalato nelle urine, e in alcuni casi, con alti livelli di calcio nel sangue.

Inoltre, un pH urinario basso (urina acida) favorisce la formazione di calcoli di ossalato, fattore che potrebbe aver contribuito all’aumento dell’incidenza dei calcoli di ossalato negli ultimi anni. Storicamente, i gatti presentavano maggiori probabilità di sviluppare calcoli di struvite, ma con l’introduzione di diete più acide per ridurne la formazione, si è verificato un aumento dei casi di calcoli di ossalato.

Segni clinici dei calcoli vescicali di ossalato di calcio nel gatto

I calcoli vescicali nei gatti possono causare significativa infiammazione e irritazione della parete vescicale, che porta ad una sintomatologia simile a quella di un’infezione del tratto urinario o qualsiasi altra patologia infiammatoria della vescica.

I sintomi possono includere:

In alcuni casi, i gatti possono anche manifestare sintomi non specifici, come:

È importante notare che, in alcuni casi, i calcoli vescicali di ossalato di dimensioni ridotte possono essere asintomatici e vengono diagnosticati durante un esame clinico per altre patologie.

calcoli ossalato di calcio gatto
Photo by Larissa Dupont on Unsplash

Diagnosi

In presenza di segni urinari, il veterinario eseguirà un’indagine diagnostica che inizierà con un’analisi delle urine. Il test consiste nella raccolta di un campione di urina per un’analisi biochimica e un esame al microscopio. L’analisi delle urine rivelerà probabilmente un basso pH urinario, la presenza di globuli rossi (a causa di un trauma alla vescica), globuli bianchi (indicativi di infiammazione) e un aumento del numero di cristalli di ossalato nelle urine, qualora fossero presenti calcoli vescicali di ossalato.

Inoltre, il veterinario eseguirà esami del sangue, tra cui un esame emocromocitometrico completo e un profilo biochimico del siero. Tali test valuteranno lo stato di salute generale del gatto ed escluderanno altre condizioni mediche che potrebbero contribuire ai segni urinari sperimentati dal felino. Nei gatti con calcoli di ossalato, i livelli elevati di calcio nel sangue possono essere rilevati attraverso gli esami del sangue.

In ultimo, il veterinario probabilmente consiglierà l’esecuzione di radiografie addominali, in quanto questa metodica di imaging è in grado di rivelare la presenza di diversi tipi di calcoli vescicali, compresi quelli di ossalato. Questi ultimi, in particolare, possono presentare un aspetto spiculato all’interno della vescica, che li rende riconoscibili tramite radiografia. Tuttavia, l‘ecografia può rappresentare un’alternativa valida alla radiografia per la diagnosi di calcoli vescicali, poiché permette di visualizzare direttamente la presenza di calcoli nella vescica e di valutare eventuali danni alla parete vescicale.

Trattamento dei calcoli vescicali di ossalato di calcio nel gatto

Il trattamento dei calcoli di ossalato prevede solitamente la rimozione chirurgica, eseguita tramite cistotomia. Questa procedura richiede l’anestesia generale del gatto. Il chirurgo veterinario effettua un’incisione sull’addome del paziente per aprire la vescica e rimuovere i calcoli. Successivamente, i calcoli vengono inviati al laboratorio per la conferma della loro composizione chimica. Il gatto potrebbe presentare sangue nelle urine per alcuni giorni dopo l’intervento chirurgico e dovrà essere tenuto a riposo per 1-2 settimane al fine di favorire la completa guarigione dell’incisione.

In rari casi, i calcoli vescicali possono essere rimossi tramite cistoscopia, una procedura che prevede l’inserimento di una piccola telecamera dotata di un dispositivo per rimuovere i calcoli all’interno della vescica. Esistono anche altre tecniche per la rimozione dei calcoli vescicali, ma vengono utilizzate meno frequentemente.

Prevenzione

In assenza di una correzione delle condizioni che hanno portato alla formazione dei calcoli vescicali di ossalato, è probabile che si verifichino nuove formazioni. Pertanto, il gatto richiederà una gestione continua della sua patologia.

Un elemento fondamentale del trattamento consiste nella somministrazione di una dieta terapeutica specifica. Tale dieta deve essere ipocalcica (a basso contenuto di calcio) e povera di ossalati, e contribuire ad aumentare il pH urinario. L’adozione di questo tipo di dieta modifica la composizione dell’urina, diminuendo la probabilità di formazione di cristalli di ossalato. Il veterinario eseguirà un esame delle urine dopo un periodo di tempo per valutare l’efficacia della dieta terapeutica.

È altrettanto importante incoraggiare l’assunzione di acqua da parte del gatto. Nella maggior parte dei casi, il cibo umido è sufficiente per promuovere una diuresi adeguata. Nel caso in cui l’urina del gatto continui ad essere concentrata nonostante la somministrazione di cibo umido, si possono adottare ulteriori misure, come l’utilizzo di fontanelle per gatti o acqua aromatizzata.

Qualora queste misure non dovessero risultare efficaci nel prevenire la formazione di cristalli di ossalato, il veterinario potrebbe prescrivere farmaci per modificare ulteriormente la composizione dell’urina.

Il veterinario programmerà controlli periodici per tutta la vita del gatto, al fine di verificare che l’urina dell’animale rimanga nei valori desiderati e per rilevare precocemente eventuali recidive future.

Fonti

[riduci]