Gengivite e stomatite nel gatto: cause, sintomi e cura


Gengivite è un termine medico che si riferisce alla infiammazione delle gengive. La gengivite è la prima fase della malattia parodontale.

Link sponsorizzati

Il termine stomatite si riferisce ad una infiammazione più generalizzata delle membrane mucose della bocca e può interessare gengive, lingua, le superfici interne delle labbra e/o il pavimento e il tetto della bocca.

Cause

Gengivite – È causata più comunemente da una infezione batterica del cavo orale ed è associata a scarsa igiene orale. Questi batteri creano placca sulla superficie dei denti, che diventa tartaro ed infine calcolo, il deposito duro e mineralizzato che ricopre i denti. Quando i batteri entrano nella piccola sacca localizzata tra gengive e denti, nota come solco gengivale, provocano una reazione infiammatoria. L’infezione batterica del solco gengivale, se non trattata, può progredire a parodontite e perdita dei denti.

Stomatite – Può essere causata da un processo infettivo o infiammatorio locale oppure essere una condizione secondaria. Alcune delle cause includono:

  • Anomalie anatomiche, come il sovraffollamento dei denti o una posizione anormale del frenulo labiale
  • Disordini metabolici
  • Uremia (accumulo di scorie azotate nel sangue) e livelli elevati di ammoniaca nel sangue spesso associati a insufficienza renale
  • Vasculite (infiammazione dei vasi sanguigni) associata a diabete mellito
  • Ipoparatiroidismo (endocrinopatia caratterizzata da un deficit di secrezione del paratormone da parte delle paratiroidi) che causa un ingrossamento di lingua e labbra
  • Malattia immunomediata (pemfigo foliaceo o volgare, pemfigoide bolloso o lupus eritematoso)
  • Reazioni ai farmaci
  • Infezione batterica secondaria a lesioni orali preesistenti
  • Irritazione dei tessuti molli dovuta al tartaro
  • Infezioni fungine
  • Lebbra felina (micobatterio)
  • Infezioni sistemiche o ematiche
  • Trauma
  • Corpi estranei
  • Ustioni chimiche
  • Irritanti chimici
  • Lacerazioni
  • Morso di serpente
  • Traumi al muso o alla bocca
  • Piante tossiche
  • Chemioterapia o radioterapia
  • Neoplasia

 

gengivite_stomatite_gatto.jpg

Sintomi

Gengivite – I segni clinici e le anomalie più comuni associati alla gengivite includono la presenza di una sottile linea di colore rosso lungo il margine delle gengive, gonfiore a carico dei margini gengivali, alito cattivo, placca e tartaro. Se i denti del gatto vengono spazzolati, le gengive infiammate spesso tenderanno a sanguinare.

Stomatite – Generalmente, la stomatite è una forma di infiammazione più grave rispetto alla gengivite e interessa lingua, labbra, altri tessuti molli presenti all’interno e intorno alla bocca e gengive. La stomatite è estremamente dolorosa e molti gatti affetti da questa condizione presenteranno una diminuzione dell’appetito dovuta al dolore sperimentato. Nei casi gravi, è possibile l’insorgenza di gonfiore intorno agli occhi o a carico dei tessuti facciali circostanti la bocca.

Diagnosi

La diagnosi si basa principalmente sulla storia clinica e sui segni clinici. Spesso sono raccomandati esami del sangue e delle urine per la ricerca di una eventuale malattia sistemica. Spesso vengono eseguite radiografie orali per determinare l’eventuale presenza di danni a carico delle radici dentarie e delle strutture di supporto. Nei casi gravi o sospetti, possono essere prelevati campioni bioptici o colture.

Trattamento

Gengivite – Il primo passo da intraprendere nel trattamento della gengivite è una profilassi dentale (pulizia dei denti). I depositi di tartaro vengono rimossi, le superfici dei denti pulite con strumenti dentali e, infine, lucidate. È importante che i tessuti localizzati sotto la linea gengivale vengano puliti accuratamente al fine di rimuovere accumuli di placca o tartaro. In base alle esigenze del gatto, possono essere raccomandati antibiotici, sciacqui orali contenenti clorexidina e altri trattamenti domestici, incluso un regolare spazzolamento dei denti. Il trattamento domestico mira a ridurre l’accumulo di placca che porta all’insorgenza di gengivite.

Stomatite – In caso di stomatite, la terapia prevede il trattamento della causa sottostante del problema. Per molti gatti sarà necessaria la somministrazione di antibiotici ad ampio spettro, sciacqui con clorexidina o gel e farmaci antinfiammatori. La terapia sarà determinata in base alla causa specifica e alla gravità della condizione.

Prognosi

In caso di gengivite non complicata, la prognosi è eccellente, a patto che il proprietario segua scrupolosamente le indicazioni del veterinario. La maggior parte dei gatti trarrà beneficio da una pulizia dentale (eseguita dal veterinario) seguita da una routine domestica di igiene orale.

La prognosi in caso di stomatite è determinata dalla causa sottostante. La maggior parte dei casi di stomatite risponde bene al trattamento medico.

In ogni caso, il veterinario sarà in grado di formulare una prognosi più specifica basandosi sulla diagnosi.


Condividi con: